Viganò: “Reagire e opporsi alla dittatura, prima di venir privati di altri diritti fondamentali”

Condividi su:

Monsignor Carlo Maria Viganò: “I cattolici, in quanto cittadini, hanno il diritto e il dovere di influire nella società con un impegno civile e politico. Lasciare che siano altri a partecipare alla vita politica della Nazione, specialmente in un momento in cui i principi della Legge naturale e della Morale sono ignorati o apertamente avversati, sarebbe da irresponsabili. Certo, il sistema democratico ha mostrato le proprie criticità, perché assegna il governo alla maggioranza numerica, e non a ciò che è giusto e buono“.

“Tuttavia dobbiamo riconoscere che con la farsa pandemica prima e ora con la crisi russo-ucraina abbiamo compreso che la volontà della maggioranza, pur con tutte le manipolazioni del mainstream, è sempre meno convinta della narrazione ufficiale. Questo mostra una spaccatura tra la classe politica e dirigente del Paese e i cittadini, i quali si stanno rendendo conto del colpo di stato mondiale compiuto ai loro danni da una mafia di burocrati e governanti asserviti all’élite globalista. Una volta che si è capito il golpe bianco in atto, il popolo dovrà reagire ed opporsi alla dittatura, prima di essere privati di altri diritti fondamentali“. Leggi tutto il resto sul sito spagnolo Mag24.es.

Condividi su:

6 thoughts on “Viganò: “Reagire e opporsi alla dittatura, prima di venir privati di altri diritti fondamentali”

    1. La maggior parte arriva da zone dell’Ucraina occidentale, non toccate dalla guerra, e secondo me non aspettavano che una buona occasione per partire. Del resto, saranno omai 10-12 anni che gli ucraini abbandonano il loro paese, andando chi in occidente, chi in Russia (4 milioni). Evidentemente, per il troppo benessere, la troppa democrazia di cui godono in patria dal 2005 in poi…

      1. Il benessere sembrano cercarlo a Spese o a danno degli italiani , che invece starebbero benissimo (???)…

      2. Nel link sopra si lamentano di doversi ripulire gli alloggi, sti stacanovisti laboriosi…

  1. Reagire è una parola che è stata cancellata dal dizionario italiano. Noi preferiamo prenderla in quel posto.

  2. Viganò dice bene, difficile è trovare i modi adatti. Direi che quello di Malone sia tra i migliori (cioè: trovare e soprattutto diffondere tutti i nomi, indirizzi e altri dati di ogni responsabile. Il popolo poi ci penserà

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.