Vicenza, 32enne muore d’infarto nel sonno: si era vaccinato due giorni prima

Condividi!

VICENZA – L’ha trovato la mamma, a letto senza vita, questa mattina. La tragedia che ha colpito la famiglia e anche tutta la comunità di Asiago, è avvenuta nella notte tra sabato e domenica. Vittima di quello che probabilmente è stato un infarto, un 32enne residente in paese, conosciuto e amato da tutta la comunità che ora è sotto choc. Il giovane si era vaccinato il 30 luglio alle 10:20 di mattina e ora la procura ha aperto un fascicolo e disposto un’autopsia. La famiglia, inoltre, ha chiesto al sindaco di Asiago Roberto Rigoni Stern – che è anche avvocato – di attivarsi per la nomina di un consulente medico legale da affiancare alla perizia.

Sul caso, è intervenuta anche l’Ulss 7 con una nota: «In relazione al decesso di un giovane di 32 anni che aveva ricevuto la prima dose di vaccino anti-Covid, la Direzione dell’ULSS 7 Pedemontana precisa che al momento non vi è alcuna ragione per sospettare un nesso causale tra i due eventi. Al fine di garantire la massima trasparenza, l’Azienda ha comunque disposto lo svolgimento dell’autopsia per accertare le cause del decesso».

«C’è anche un esposto pronto ma non ancora inviato, la procura si sta muovendo autonomamente su questa immane tragedia», ha spiegato il primo cittadino ai microfoni di Vicenzatoday. «Non si sanno ancora le cause di una morte che ha gettato nello sconforto tutta la comunità, quando si verifica una morte improvvisa di un giovane di 30 anni sono molti i punti di domanda che ci si pone», ha aggiunto il sindaco, precisando che «bisogna lasciare alla scienza medica capire se c’è un legame tra il decesso e la vaccinazione. La stessa famiglia non è contro il vaccino e non vuole colpevolizzare nessuno ma solo capire come un giovane sano possa morire nel sonno». Lo riporta vicenzatoday.it.

Il 31enne, che lavorava in una pizzeria, faceva una vita sana ed era uno sportivo. Da quanto risulta 5 anni fa, aveva sofferto di una miocardite. «Anche su questo – conclude Rigoni Stern – bisogna far chiarezza e capire se siano state fatte tutte le valutazioni necessarie nell’anamnesi pre-vaccinale».

Condividi!

2 thoughts on “Vicenza, 32enne muore d’infarto nel sonno: si era vaccinato due giorni prima

  1. Ve l’ho sto dicendo da mesi, tra poco sono anni, che ve lo ripeto, al punto che mi chiedo cosa abbiate dentro quella testa marcia che vi portate attaccata al collo. L’associazione governativa americana CDC ha VIETATO LA SOMMINISTRAZIONE DEI VACCINI AI RAGAZZI AL DISOTTO DEI 24 ANNI PER I GRAVI DANNI CHE CAUSA IL VACCINO COVID 19 AL SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO, DANNI RISCONTRATI FINO A CHI HA 50 ANNI. Il vaccinarsi è solo una scelta volontaria, non c’è obbligo vaccinale, vi rendete conto che per un’influenza atipica, vi fate iniettare un vaccino il quale è un probabile responsabile della vostra morte. Se non siete 70enni, con malattie gravi o persone fragili a livello di salute il vaccino per sua stessa natura fa più danni che benefici. Perchè opera non creando attraverso l’inoculazione di un virus la creazione di anticorpi prodotti dal nostro organismo, ma in altro modo. Una dottoressa di Piacenza, ha riscontrato la nascita di una nuova malattia cardiovascolare, grazie al fatto di essersi iniettati questo famigerato vaccino. Alla fine sapete cosa vi dico, “sette volte detto sette volte dimenticato”, alla fine se non lo volete capire, SARETE GLI UNICI RESPONSABILI DEI VOSTRI FIGLI.

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: