Verso l’assalto al Parlamento: “In 50mila invaderemo Montecitorio”

Condividi!

“130 pullman partiranno da tutta Italia, invaderemo Montecitorio”. Così il movimento “IoApro” sulla pagina Facebook del gruppo in merito alla manifestazione lanciata per domani a piazza Montecitorio, vietata dalla Questura di Roma. “Questi pullman sono confermati – viene aggiunto – Utilizzate anche auto e treni per spostarvi, nessuno può fermarvi per riconquistare i vostri diritti. Circonderemo il Parlamento in maniera pacifica e li costringeremo ad uscire dal palazzo. 20.000 o 50.000 dipende da voi. Facciamo la storia insieme”. Lo riporta quest’oggi La Repubblica.

Ma il Governo non ci sta. Ed ecco l’intervento della Questura di Roma: “A differenza di quanto affermato e diffuso sui social, però, si segnala che, con formale provvedimento redatto dalla Questura di Roma in data 9 aprile u.s., la piazza di Montecitorio è stata formalmente vietata per la giornata di domani ai rappresentanti del movimento ‘IoApro”’ in quanto già concessa e, quindi occupata da un’altra manifestazione regolarmente preavvisata nei giorni precedenti, che si svolgerà nella stessa fascia oraria con la prevista partecipazione di 100 persone”.

“Si ribadisce, inoltre che, nel rispetto delle prescrizioni attualmente in vigore in materia di contrasto alla diffusione del virus Sars Covid-19, la piazza in questione può ospitare un numero massimo di 100 manifestanti. Pertanto, al fine di non generare false informazioni circa la possibilità di accedere alla manifestazione nel numero di 20.000 persone così come annunciato sui social network e per evitare i conseguenti provvedimenti si ribadisce che la manifestazione pubblicizzata non è ‘autorizzata’”.

Condividi!

2 thoughts on “Verso l’assalto al Parlamento: “In 50mila invaderemo Montecitorio”

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.