Varese, Mattia muore a 27 anni: stroncato nella notte da un malore improvviso

Condividi su:

VARESE — Non c’è stato niente da fare per il giovane uboldese che la scorsa notte si è sentito male mentre si trovava in via Morandi, a Uboldo. Si chiamava Mattia Melis, aveva 27 anni: la famiglia gestisce un negozio di alimentari in via Sanzi. Mattia aveva trascorso la serata con amici e parenti, ed alle 2.30 è stato colto dal malore: si è subito capito che le sue condizioni erano gravi, anzi molto gravi e per questo motivo sul posto con carabinieri e ambulanza della Croce azzurra è stato fatto arrivare anche l’elisoccorso da Como. Lo ha riportato il sito PreAlpina.it.

Il ragazzo, che lamentava un arresto cardiocircolatorio, è stato trasferito d’urgenza, con l’elicottero, all’ospedale di Circolo di Varese, da dove alle 5.20 è però giunta la notizia del decesso. La vicenda è adesso al vaglio dell’autorità giudiziaria, che ha disposto la restituzione della salma ai famigliari. I funerali dovrebbero tenersi all’inizio di questa settimana.

Condividi su:

11 thoughts on “Varese, Mattia muore a 27 anni: stroncato nella notte da un malore improvviso

  1. se sei intelligente rispondi:
    RICORDATE L’IMMAGINE DEL FIOCCO DI NEVE AL MICROSCOPIO?
    PERCHE’ HA QUELLA FORMA? O AVEVA QUELLA FORMA?
    se siete intelligenti riflettete
    QUANTI MISSILI CON SATELLITI 5G A BORDO HANNO LANCIATO DAL 2019 AD OGGI?
    IL NOSTRO PIANETA HA UN SUO PROPRIO CAMPO ELETTROMAGNETICO?
    VI PIACE LA CIMATICA?
    DA QUANDO STENDONO FIBRA OTTICA?
    moriranno tutti anche i FURBETTI
    PERCHE’ VAX O NO VAX LE RADIAZIONI ARRIVANO OVUNQUE
    ora leggete non comprendete e magari fatevi la risatina di scherno che vi ha insegnato la tv..
    BACCALONI

  2. Il risparmio energetico vuole che alle 2 di notte si sia già a letto con luce spenta e sotto le coperte da parecchie ore, questo è un vaccino ambientalista.

  3. Istituiranno un nuovo “club 27” per giovani morti di malore improvviso -leggasi vaccino killer- e così avranno i loro 5 secondi di celebrità.
    D’altronde non si può diventare leggenda come Jimi Hendrix o Jim Morrison andando a fare la fila per un buco sul deltoide.

  4. Mi piacerebbe capire una cosa:

    ma tutte quelle persone che hanno perso un figlio, una figlia, un padre, una madre, uno zio, un cugino ecc.ecc..ecc…si staranno facendo qualche domanda? Oppure la TV ha completamente fuso i loro cervelli?

    1. I vaccini danneggiano anche i collegamenti sinaptici e le cellule cerebrali, ho letto articoli al riguardo e mi è stato confermato da chi è del mestiere.
      La volontà di omologazione dei più è più forte di qualunque domanda o dubbio. Vanno con la massa e gli basta. Vogliono sentirsi “a posto”.
      Farsi domande significa diventare dei diversi agli occhi del mucchio, sia mai.

      Devono estinguersi, presto.

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.