Vaccino, avvocato contro Draghi: “Non sa quante volte io mi sia pentita di averlo fatto”

Condividi su:

di avv. Dalila Di Dio – Gentile Presidente Draghi, non immagina quante volte io, che ho scelto liberamente di vaccinarmi, mi sia pentita di averlo fatto. Mi sono pentita ogni volta che ho visto un padre costretto a farlo per portare a casa il pane. Ogni volta che ho visto uno studente rinunciare ad una lezione universitaria. Ogni volta che ho scorto in lontananza una fila di cittadini davanti a una farmacia, in coda per acquistare 48 ore di diritti. Mi sono pentita ogni volta che ho sentito qualcuno parlare di parassiti, sorci, disertori o blaterare di fucilazioni evocando Bava Beccaris.

Ogni volta che mi sono imbattuta in congreghe di semicolti che tra una risatina e l’altra dileggiavano chi aveva semplicemente compiuto una scelta diversa per la propria vita e sul proprio corpo. Gentile Presidente Draghi, io della società che Lei e i Suoi sodali state laboriosamente costruendo non voglio far parte. Non voglio far parte di una società composta da gente che si ritiene moralmente ed intellettualmente superiore per aver acconsentito a farsi somministrare un farmaco. Non voglio far parte di una società in cui si gode smodatamente per l’emarginazione e l’esclusione di chi ha compiuto legittimamente e liberamente una scelta diversa.

Non voglio far parte di una società in cui ci si compiace di aver meritato dei diritti, cedendo al ricatto. Non voglio far parte di una società di individui che accusano, additano e auspicano ostracismi e punizioni per i loro simili. Io non appartengo alla schiera di chi obbedisce per quieto vivere. Io non voglio essere premiata con diritti che sono miei per nascita. Io non voglio che mi concediate alcuna libertà giacché io sono nata libera. E custodisco la mia libertà come il bene più prezioso. Pertanto, liberamente Le dico si tenga pure la Sua terza dose, il Suo super green pass e la Sua bella società. Verrà il tempo.

Condividi su:

7 thoughts on “Vaccino, avvocato contro Draghi: “Non sa quante volte io mi sia pentita di averlo fatto”

  1. Bellissima lettera, complimenti avv. Di Dio! Tuttavia mi sembra inutile inviarla a Draghi, che procede come un automa nel suo criminoso piano. Essendo lei avvocato, e conoscendo la legge, questa lettera va inviata ALLE PROCURE, perché finalmente agiscano contro un individuo che sta facendo a pezzi la Costituzione, e adesso ha anche introdotto l’apartheid dei non vaccinati! Perchè non si può fare a pezzi la Costituzione senza violare almeno 10-15 leggi fondamentali, anche di diritto penale. E chi viola il codice penale deve essere processato e condannato, anche se è il capo del governo.

  2. Si può leggere (!) :

    Di Costantino Ceoldo, ComeDonChisciotte.org

    Descrivere la realtà italiana di questi giorni è sempre più un qualcosa che strazia l’anima a tutti coloro che amano l’Italia, questa nostra Patria così bella e perduta. Viviamo giorni intrisi di tristezza e paura e sia la tristezza che la paura ci vengono somministrate a grandi dosi da un governo dispotico in cui un individuo, Mario Draghi, è il terzo non eletto Primo Ministro in tre anni consecutivi.

    https://comedonchisciotte.org/caccia-alluomo/

  3. Si può leggere (!) :

    Te lo ricordi l’8 marzo al carcere?

    “Possiamo tenervi per anni in condizioni disumane, stipati nelle celle come in carri bestiame.
    Possiamo annullare da un momento all’altro quello che resta dei vostri minimi diritti.
    Possiamo massacrarvi di botte quando vi ribellate a tutto questo, anche se siete inermi e in overdose.
    Possiamo lasciarvi in agonia per ore e ore.
    Possiamo lasciarvi morire.
    Possiamo fare in modo che tutto questo succeda nella piena impunità, che valga solo la nostra versione dei fatti e che tutte le colpe vi ricadano addosso.
    Possiamo continuare a criminalizzarvi anche da morti e farla pagare cara ai sopravvissuti”.

    https://www.carmillaonline.com/2021/12/01/te-lo-ricordi-l8-marzo-al-carcere/

  4. Francamente io mi sono sentito limitato nell’esercizio delle mie libertà non dal vaccino e dagli orpelli burocratici ad esso connessi, ma dalla malattia o meglio dalla possibilità di contrarla ,lasciandoci le penne.Se l’Avvocato si è pentito…fatti suoi, provi a farsi “svaccinare” , al limite(ci sono studi in corso).Io ,da vaccinato consenziente è un po’ riluttante, non la condanno, né voglio discriminare lei come altre persone che, liberamente, decidono di non farsi vaccinare.Dove sta l’inganno, però?Se io, asmatico cronico, dovrò farmi punturare ogni anno e osservare centomila precauzioni per evitare di finire in terapia intensiva dico solo che la Sua libertà finisce dove inizia il mio diritto(e, in quanto giurista. la Signora dovrebbe capire perfettamente): in questo caso il diritto alla mia incolumità fisica, alla mia salute.Veniamo all’argomento del presunto “lavaggio di cervello di massa” o della instaurazione di un regime autoritario.Scusate…ci hanno e ci stanno togliendo progressivamente molti diritti nell’indifferenza generale ed una volta che qualcuno cerca, anche maldestramente visti i tempi ridotti, di curarci….scendiamo in piazza a protestare?Sicuramente io non mi sento superiore a chi non si vaccina e mi batterò perché non vengano fatte discriminazioni nei suoi confronti: chiedo solo che analoga sensibilità venga dimostrata nei miei confronti da chi fa scelte diverse dalle mie.

Rispondi a Anonimo Annulla risposta

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.