Vaccinato con doppia dose si scaglia contro vaccini e Green Pass: “Stavo per morire”

Condividi su:

La pagina Facebook di Italexit con Paragone ha pubblicato la testimonianza di Franco Trivero, vaccinato ma contro il Green pass e la terza dose: ”Sono vaccinato con due dosi, ho preso il covid a dicembre e se non mi facevo i monoclonali non ero qui a parlare con te adesso”. Nonostante la doppia dose, Trivero ha raccontato di aver preso il covid con una carica virale molto alta. “La tachipirina e la vigile attesa mi hanno portato ad avere una saturazione molto bassa. Mi hanno portato la bombola di ossigeno ma siccome non riuscivo a venirne fuori, mi hanno fatto i monoclonali”.

“Qui siamo di fronte a una dittatura sanitaria del pensiero unico del vaccino e questo non va bene. Questo Green pass è stato creato in Europa, domando all’Europa: questo è il modello di società che volete?”. La testimonianza di questo signore è molto rilevante perché non stiamo parlando di un novax, ma di una persona con doppia dose e per giunta guarita dal covid. “Vale di più un morto di covid che un morto di vaccino. Il morto di covid lo mettiamo dappertutto. Il morto di vaccino viene oscurato, è un fantasma. Non c’è nemmeno una vigilanza attiva”. Secondo Trivero è stata costruita una narrazione che non va bene ai fini terapeutici e di precauzione. ”Noi siamo diventati capitale sanitario e non più capitale umano da salvaguardare e da tutelare. Noi dobbiamo inocularci con un vaccino, punto. Posso decidere io se lo devo fare o non lo devo fare?”. Alla domanda dell’intervistatrice, se farà la terza dose, la risposta è secca: “No! Assolutamente no. E neanche la quarta”.

Condividi su:

2 thoughts on “Vaccinato con doppia dose si scaglia contro vaccini e Green Pass: “Stavo per morire”

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.