“Vaccinarsi è un dovere”. Morto per malore a 57 anni il giornalista e direttore Omar Monestier

Condividi su:

Mondo del giornalismo in lutto. Si è spento nella notte Omar Monestier, direttore de Il Messaggero Veneto e de Il Piccolo. Il giornalista ha avuto un malore nel corso della notte, mentre era a casa. A trovarlo il figlio, che ha subito lanciato l’allarme, ma purtroppo non c’era più nulla da fare. Nato a Belluno il 23 settembre 1964, viveva a Moruzzo. Aveva guidato il quotidiano udinese dal 2012 al 2014, per poi tornare in Friuli nel 2016. Da gennaio 2021 aveva assunto anche la guida della testata giuliana. Era per l’obbligo vaccinale. Lo ha fatto sapere stamane il sito web il Friuli.

Condividi su:

14 thoughts on ““Vaccinarsi è un dovere”. Morto per malore a 57 anni il giornalista e direttore Omar Monestier

  1. Prodighi leccaculisti speranzosi di gloria e di pecunio traditi dai i loro stessi padroni, vatti a fidare dei serpenti.

  2. Un altro servo in meno ,
    se tra i giornalisti ci fosse una epidemia non sarebbe male.
    Ci vorrebbe tar un po anche alla RAI , ma quelli dopo le morti illustri col cavolo che si sono vaccinati !

  3. Spero che tra i giornalai la cacarella cominci a serpeggiare perché questo è solo l’inizio eh…

    Stanno morendo come mosche musicisti, cantanti, attori, personalità di vario tipo in giro per il mondo, vediamo in Italia quanto reggono ancora sti servi straccivendoli della disinformazione.

  4. Volevano la gloria sulla pelle della povera gente. Bene è giunta l’ora di pagare il conto x aver indotto tante povere persone al suicidio, facendosi iniettare quella merda di terapia genica spacciata x vaccino. Li mortacci vostra. Ho perso amici e parenti per aver creduto ai vostri slogan criminali. Ora crepate tutti

    1. Io ho da poco perso il mio migliore amico. Si è spento 4 mesi dopo la terza dose che aveva fatto a fine marzo.

    1. Proposta accettata. Forse passerà del tempo ma si dovrà fare. In particolare giornata della memoria sul colpo di stato e sulla strage fraudolenta. Perché non ci sono solo le vittime del genocidio, ci siamo anche noi che abbiamo resistito. Non dico eroi, per carità, ma almeno schierati per la libertà.

  5. Morto un altro indottrinato dalla fede-scienzah speranzosa. Io credo nel vaccino, lo giuro, lo giuro. È l’unica arma che abbiamo per sconfiggere la pand€mia… La libertà è soltanto una do$e più in là… Ahahaha.
    Anche se Vittorio Feltr🐍è di gran lunga il giornalaio peggiore. Non mi dimentico di quando una ragazza di Cagliari di soli 27 anni mise mi piace ad un suo tweet provocatorio dove scriveva con modi molto coloriti di andare a vaccinarsi e poi la tizia morì di miocardite, dopo la seconda dose…Il Pfizer magico. Lol. Decisero di sacrificarsi per il bene dei locali… Dato che i giovani non rischiavano nulla… Comunque la frase del suddetto covidiota non era intera, aspettate: *”È un dovere morale se si vuole schiattare in anticipo”. Mi sembrava doveroso riportarla tutta per onestà intellettuale. Avrà ragione Montagnier? I covidioti lo seguiranno tutti a ruota, oppure no? Chissà. Vedremo… Per ora tanti covidioti stanno morendo…

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.