Va a dormire a casa di un amico e non si risveglia più: 20enne trovato morto sul letto

Condividi su:

PADOVA — Tragedia a Ferragosto: un ragazzo di 20 anni, Massimiliano Segala, è stato trovato morto a letto, mentre era ospite a casa di un amico. Doveva essere una giornata di relax e spensieratezza, ma si è trasformata in un dramma. La tragedia è avvenuta a Padova, nel quartiere di Città Giardino. Massimiliano era ospite a casa di un amico, in via IV novembre, ed aveva dormito nella mansarda. La mattina di Ferragosto, l’amico era andato a svegliarlo, senza però ricevere alcuna risposta. A quel punto, il ragazzo ha aperto la porta e ha trovato Massimiliano senza vita. Lo ha riportato oggi il sito Leggo.

La famiglia è ovviamente sconvolta e si è chiusa in un dolore raccolto e riservato. Massimiliano era un ragazzo tranquillo, senza alcun precedente, che viveva con i genitori ma amava passare il tempo con i nonni Luciano e Osvalda. Ora, in attesa di risposte sulla tragica morte del ventenne, la famiglia chiede, legittimamente, solo di essere lasciata in pace.

«Massimiliano era stato male qualche giorno fa, stava assumendo delle medicine. Secondo noi ha avuto un malore mentre dormiva, magari un vaso sanguigno ostruito. Ma la droga no. Mio nipote non si drogava» ha affermato il nonno di Massimiliano Segala, Luciano. «Ero in confidenza con mio nipote, me ne sarei accorto se avesse fatto uso di stupefacenti. Era venuto da me qualche giorno fa ed era bello vispo e sveglio. Uno che si droga non era come mio nipote. L’autopsia ci dirà cos’è successo, ora dobbiamo far fronte a questo dolore che ci strazia il cuore» conclude nonno Luciano. 

Condividi su:

10 thoughts on “Va a dormire a casa di un amico e non si risveglia più: 20enne trovato morto sul letto

  1. MALEDETTI ASSASSINIIII un giorno pagherete per questa mattanza di giovani vite!!!! assassini!!!!! ragazzi con una vita davanti non possono morire cosi! nessuno pensa alla droga non si preoccupi TUTTI sanno che questi poveri ragazzi sono stati assassinati!!! RIPOSA IN PACE DOLCE ANGELO!!

    1. Le giovani vite appartengono a dei cretini che hanno fatto il vaccino per non perdersi un aperitivo o una partita di calcetto con gli amici.
      Giovani a cui gli inutili genitori hanno solo insegnato la soddisfazione momentanea ed effimera di un capriccio materiale anziché la lotta e la perseveranza per dei valori spirituali importanti.

      Questa era la prova delle prove, non l’hanno superata, adesso la selezione farà il resto. A questo mondo dovranno restare solo i più resistenti in ogni senso e i più intelligenti.

  2. D’altra parte,quanti si sono fatti iniettare solo per andare a divertirsi o non perdere lo stipendio?parecchi e questo è il cervello,soldi e divertimento valgono più della vita.La morte nn guarda in faccia a nessuno e non gliene frega nulla del denaro o del lavoro o della famiglia cge hai,.Ma voglio farvi presente che tutti questi morti senza autopsie e con il funerale dopo tre giorni e parenti che se fregano non rientreranno mai tra i morti per vaccino!

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.