Ucraina, muore 19enne poche ore dopo Pfizer: vaccinato all’insaputa dei genitori

Condividi su:

Nella regione di Kiev poche ore dopo la vaccinazione contro il coronavirus è morto lo studente 19enne Vladimir Salo. La causa della morte, problemi cardiaci. Il ragazzo è stato vaccinato con Pfizer, ma ha scelto di non informare i suoi genitori della sua decisione. “Non ha detto a nessuno della sua famiglia della decisione di farsi vaccinare. Forse sapeva che tutti sarebbero stati contrari e lo avrebbero dissuaso da una tale decisione. Probabilmente, ha deciso di vaccinarsi per non avere problemi in futuro, date le limitazioni imposte dai governi. Le istituzioni minacciano coloro che non sono stati vaccinati di non poter viaggiare liberamente, andare nei caffè e così via. Pensiamo che questo sia ciò che lo ha spinto”, dice Ruslan, il marito della sorella di Vladimir. Lo ha riportato Obozrevatel.

Secondo un parente, il ragazzo è stato vaccinato col farmaco Pfizer. Poche ore dopo la somministrazione, Vladimir si sentiva bene, ha pranzato nella sala da pranzo degli studenti e poi ha giocato a ping pong. Ma la sera le condizioni sono peggiorate bruscamente, ha iniziato ad avere problemi di respirazione, sembrava soffocare. I medici dell’ambulanza giunti sul posto, hanno cercato di rianimarlo per circa un’ora, ma non sono riusciti a salvare Vladimir. Secondo la conclusione preliminare, la causa della morte è stata insufficienza cardiopolmonare, edema polmonare, insufficienza coronarica acuta. Per le conclusioni finali si dovrà attendere circa un mese.

Condividi su:

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.