Ucraina, Generale boccia Draghi: “Non fa nulla per cercare di porre fine al conflitto”

Condividi su:

Gli eserciti ucraino e russo sono sfiancati ma la guerra non si ferma, tutt’altro. Ospite di L’aria che tira, su La7, il generale Leonardo Tricarico analizza il momento delicato del conflitto e commenta gli sforzi, quasi nulli, della comunità internazionale di porre la parola fine al conflitto. Nella puntata di sabato 30 aprile l’ex Capo di stato maggiore dell’Aeronautica militare spiega che i raid ucraini in territorio russo, come quello registrato nella serata di ieri, sono episodi sporadici e “dimostrativi, come i missili lanciati dai russi a Kiev” durante l’incontro tra Volodymyr Zelensky e il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres. Per il generale i due eserciti “sono sfibrati, non possono permettersi attività su larga scala” fuori dal teatro di guerra del Donbass. I russi stanno finendo le scorte, gli ucraini vengono armati dall’Occidente e questo provoca uno stallo.

La prospettiva di una tregua però è molto lontana, con Kiev e Mosca che parlano solo di vittoria sul nemico, non di negoziati. “La pace è lontana perché nessuno l’ha chiesta”, spiega Tricarico. “Chi dovrebbe promuovere un negoziato getta secchiate di benzina su incendio che appare indistinguibile“, dice il generale che entra nel merito. C’è il “pacchetto di mischia guidato dagli Stati Uniti” di Joe Biden, spiega l’ufficiale, Gli unici malumori sono politici, non istituzionali. E l’Italia? Il presidente del Consiglio Mario Draghi “dovrebbe rispolverare la sua credibilità, e rimetterla in campo. Ma finora non lo ha ancora fatto”.

Condividi su:

6 thoughts on “Ucraina, Generale boccia Draghi: “Non fa nulla per cercare di porre fine al conflitto”

    1. CHE IMMENSA TRAGEDIA, SEMBRA UN FILM DELL’ORRORE, SOLO UN BRUTTO INCUBO.

      Penso allo strazio dei familiari e dei colleghi nel vedere questo video. E quando a fine gennaio scriveva che l’unico fastidio erano le orecchie che gli scottavano. Mi immagino che cosa stiano pensando i “vaccinati”.

      1. Il problema non sussiste, i vaccinati se ne guardano bene di leggere queste cose, gli è rimasto un minimo di opposizione al sadismo, e chi può evita con solerzia di farsi male, per questo renderli consapevoli è una impresa titanica, e persa all’origine. E poi sono arciconvinti di essere nel giusto non per ragione ma per fidelità secondo la quale questi galantuomini del governo non li avrebbero ingannati e che hanno agito per il loro bene. Se non ti vaccini, ti ammali e muori. O il direttore Sallusti che dice tutti i non vaccinati sono morti, ed allora perché mandano le multe, se siamo tutti morti? Questa gente vive di menzogna e più si va avanti di maggiori ne inventeranno perché sanno benissimo, che se salta il banco per loro e la fine, e per adesso la loro unica salvezza sarebbe la guerra, ecco perché stanno insistendo tanto. La loro arma è l’inganno esca per gli ignoranti e pigri che affidano il loro governo a dei vili affaristi e gente senza arte ne parte, amici degli amici e tutti amici del vincere facile, con l’abbondanza di soldi sottratta al popolo sempre con l’inganno, non a caso è capo del governo uno che di queste cose se ne intende, ma sul resto e zero assoluto

  1. https://www.liberoquotidiano.it/news/scienze-tech/31378706/omicron-svenimenti-vertigini-solo-vaccinati-fenomeno-inquietante.html Omicron, svenimenti e vertigini ma solo per i vaccinati: un fenomeno inquietante. È plausibile che la variante Omicron e il vaccino c’entrino con questi nuovi sintomi, dato che quasi tutti i pazienti osservati erano vaccinati con almeno due dosi e tutti sono stati contagiati da Omicron. Insomma, potrebbero esserci due nuovi sintomi che possono indicare il contagio da Omicron: nausea e svenimento o vertigini.

  2. Non vedo nnessuno sforzo per la pace, solo sforzi per aumentare e allargare il conflitto. Draghi fara’ sempre e solo quel che gli dicono i padroni globalmafiosi.

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.