Treviso, procuratore De Bortoli: “Denunce contro Draghi finiranno in una bolla di sapone”

Condividi su:

TREVISO – Una lunga fila di persone, tutte arrabbiate, tutte con in mano il prestampato di una denuncia presentata contro il governo italiano e in particolare il premier Mario Draghi. Un centinaio di persone ha letteralmente assediato, lunedì 31 gennaio, l’entrata del pubblico in Tribunale per depositare una querela contro i provvedimenti dell’esecutivo in materia di emergenza sanitaria.

In particolare protestano, a colpi di denuncia, contro l’istituzione del vaccino obbligatorio per gli over 50, le misure restrittive della libertà personale di chi non si è vaccinato e l’uso della mascherina. In tutto, fra la settimana scorsa e la mattinata odierna, si contano circa 250 querele, presentate ipotizzando i reati di estorsione, violenza privata e abuso d’ufficio.

«Tutte azioni dice il procuratore facente funzioni Massimo De Bortoli che finiranno in una bolla di sapone. Una volta che le avremo raccolte saranno trasferite a Roma, dove le denunce verranno probabilmente archiviate. Alla fine si tratta di un lavoro in più che dovranno fare i nostri uffici, tra la raccolta delle querele alla loro catalogazione. Sarà richiesto anche un magistrato che le esamini e decida del loro trasferimento per competenza. Una sforzo in più per un ufficio come quello trevigiano che, carente di personale, avrebbe fatto volentieri a meno di queste incombenze». Così trevisotoday.it.

Condividi su:

15 thoughts on “Treviso, procuratore De Bortoli: “Denunce contro Draghi finiranno in una bolla di sapone”

  1. Poverini, ingolfati di lavoro, hanno tutti i denti sudati! Buffone avreste dovuto procedere d’ufficio ma siete solo dei farabutti.

  2. Infatti…e ce lo dice…signor Bortoli? Che bella giustizia c’è in Italia….il Popolo sovrano avrebbe fatto meglio cacciarli con un forcone come fece i siciliani con i borboni? Certo il Popolo é solo, la giustizia corrotta spalleggia il PCI mai cessato di esistere… e che ha fatto propria la scellerata “frasetta” dei Radicali, NESSUNO TOCCHI CAINO, se poi… il caino è l’incappucciato…figuriamoci!

  3. Prima di tutto è sbagliato che il procuratore di Treviso decida di mandare le denunce dei trevigiani contro Draghi a Roma. La competenza spetta per legge alla Procura del luogo in cui si è verificato il reato. E se 250 persone di Treviso denunciano di avere subito un’estorsione da Draghi e governo A TREVISO, allora la Procura di Treviso dovrebbe indagare A TREVISO, leggendo quelle denunce, per poi portare avanti il procedimento davanti al Tribunale del ministri di Venezia , il capoluogo di regione del Veneto competente per i reati ministeriali. Insomma, non sembra che questi magistrati dimostrino una vera volontà di tutelare i cittadini, e ciò è veramente intollerabile.

  4. Gia’ che ci siete, trevigiani, sporgete denuncia anche contro questo procuratore. In pratica, sta dicendo che la legge non e’ uguale per tutti, che la rabbia dei cittadini non cont nulla e soprattutto che le accuse a Draghi non sussistono. Meriterebbe la lezione di trovarsi anche lui in un tribunale, non da procuratore, ma da imputato. E’ gente cosi’ che indebolisce la legge e uccide la giustizia in Italia.

  5. le parole de procuratore sono una strategia dette per far desistere chi ancora non ha denunciato, prevedendo (come il mago otelma) che non se ne farà niente

  6. Se ne può uscire solo con la violenza. Essere pronti ad uccidere e, soprattutto, ad essere uccisi. Questa è una guerra contro la plebe, contro di noi. In guerra si fa così, si uccide. E’ quello che stanno facendo loro. Ci stanno uccidendo, usando varie modalità. Ma l’ultra settantennale lavaggio del cervello in salsa pacifista che l’anglo-atlantismo khazaro-sionista britannico-americano ha imposto alle nostre deboli menti ci porta a credere che già cogliere una margherita da un prato sia già un atto di (quasi) inaudita violenza. Senza dimenticare massoneria, gesuiti e cristianesimo (e altro ancora). Ma si continui pure a citare Ghandi. Un gregge di pecore ha sicuramente più carattere e più coraggio

  7. Questo procuratore o è complice, o è un incapace, ci sono reati multipli sia civili che penali, violazione di multiple leggi internazionali, che vanno ben oltre quello che è scritto in quelle denunce…

  8. Ma non si vergogna? Non mi pare un modo di svolgere il proprio lavoro in modo imparziale. Intravvedo alla base del suo ragionamento un preconcetto supervaccinista e “Grazie Draghi e compagnia bella” e poca professionalita’
    🤦‍♀️

  9. Finirà male, molto male…attendiamo la notte dell’uomo br*ciato. Attendiamo un segno…

  10. IMPORTANTISSIMO!! Per cortesia divulgate bene (anche voi della redazione di stopcensura) questo articolo di Imolaoggi di Francesco Carbone, https://www.imolaoggi.it/2022/02/01/smascheriamo-i-gatekeepers-al-servizio-del-sistema/
    che insieme alla compagna avv. Virginia Cerullo di Salerno dirige l’Associazione Governo del Popolo, e denuncia gli intrallazzi di questori e magistrati al servizio del regime. E magari scriveteci un articolo specifico.
    Carbone scrive giustamente che non basta fare la denuncia, e denunciare a migliaia, perché poi ci sono magistrati che insabbiano, e mettono le denunce nel cassetto. E’ invece necessario che ogni denuncia segua l’iter corretto e vengano fatte davvero le indagini, anche se i denunciati si chiamano Draghi, o Speranza.
    E i magistrati che insabbiano devono a loro volta venire indagati e perseguiti.
    Perché Draghi non è come il Re Sole, e se commette reati DEVE venire incriminato e condannato.

  11. “Alla fine si tratta di un lavoro in più che dovranno fare i nostri uffici, tra la raccolta delle querele alla loro catalogazione. Sarà richiesto anche un magistrato che le esamini e decida del loro trasferimento per competenza. Una sforzo in più per un ufficio come quello trevigiano che, carente di personale, avrebbe fatto volentieri a meno di queste incombenze». ”

    Oddio…mo’ agli statali gli Toccherà Pure Lavorare ( e colmo dei colmi…per indagare uno sgoverno tendenzialmente bugiardo ed abusivo) …che cosa triste , no ?

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.