Speranza spinge per la quarta dose: “La campagna vaccinale è un bene prezioso da tutelare”

Condividi su:

Le ultime dichiarazioni di Roberto Speranza: “Io ho fatto una proposta. Sono stato il primo a intervenire nella discussione del pomeriggio, chiedendo che sulla quarta dose, quindi sul secondo richiamo o sul secondo booster, ci sia una posizione unitaria, di tutti i Paesi europei. La campagna vaccinale è ciò che ci ha consentito di aprire una fase diversa. Se tutti abbiamo molte meno restrizioni rispetto al passato, è grazie a questa campagna di vaccinazione. Quindi la campagna di vaccinazione è un bene prezioso che dobbiamo tutelare con ogni energia. Non va bene quando gli Stati scelgono da soli o fanno scelte diverse. Abbiamo bisogno di scelte condivise e unitarie sia sui tempi che sulle fasce generazionali per cui immaginare una eventuale quarta dose“.

Condividi su:

14 thoughts on “Speranza spinge per la quarta dose: “La campagna vaccinale è un bene prezioso da tutelare”

  1. Questo deve simulare una qualche utilità del lauto compenso che percepisce dagli itagliani ( non avendo mai lavorato prima in vita sua…), e così, come un venditore di pignatte bucate, spaccia i suo vaccini Sperimentali salvifici in ogni dove…

    della serie : cose inutili se non dannose, ma ben pagate…sembra quasi una truffa alla Vanna Marchi.

  2. parla per gli imbecilli come lui, 97% dei morti è vaccinato: crisanti.
    di che stiamo a parlare e scrivere da 2 anni, chi non capisce è un coglione punto.
    ci facesse andare a votare così cerchiamo di farlo sparire politicamente

  3. SI, SI PREZIOSO … PREZIOSISSIMO! specialmente per quelli che prendono la stekka sui cosiddetti vaccini

  4. Questo sta chiamando gli zombies in adunata, anche qualche mio parente ha risposto e già in fila, svuotato da senno e forza. Questi hanno qualche morbo.

  5. Non dobbiamo piu’ vedere e diramare i messaggi di questi boia ….Speranza …Draghi….Bassetti …
    Come se non esistessero e disobbedienza civile .

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.