Speranza ammette il fallimento: “Green Pass va revocato ai vaccinati che si contagiano”

Condividi su:

Green pass revocato per chi risulterà positivo al coronavirus”. Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza rispondendo al Question time alla Camera e ricordando che per questi casi “il Dpcm 17 giugno 2021 ha previsto la possibilità della revoca delle certificazioni verdi, precedentemente rilasciate, per il periodo della malattia”. Lo ha riportato quest’oggi l’Adnkronos.

“Resta evidente – ha spiegato il ministro – che chi è stato identificato come caso positivo a Sars-Cov-2 è sempre soggetto all’obbligo di legge dell’isolamento fiduciario e deve essere conseguentemente esclusa a rigore la possibilità di utilizzo del Green pass se il titolare è causa di possibile contagio”. Speranza ha infine annunciato che “è in corso di approfondimento con le Regioni la possibilità di prevedere una doppia opzione di revoca con segnalazione del medico ovvero attraverso il flusso dei tamponi molecolari positivi”.

Condividi su:

3 thoughts on “Speranza ammette il fallimento: “Green Pass va revocato ai vaccinati che si contagiano”

  1. Per poi ridarglielo per 6 mesi da guarito. Quindi cosa totalmente inutile perché revocarglielo una volta malati non gli impedisce di infettare altre persone prima che gli venga diagnosticata la positività. Tra l’altro molti dei vaccinati sono così ignoranti da sentirsi immuni e non usano nemmeno le precauzioni di base come mascherina al chiuso o semplicemente lavarsi le mani. Bisogna revocare questa misura inutile. E insieme a questa lo stato di emergenza, visto che non c’è nessuna emergenza. Non mi pare che ci siano gli ospedali pieni, anzi, la media dei deceduti è più bassa dell’influenza stagionale.

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.