Speranza a Napoli per la campagna elettorale, cittadini lo contestano: “Munnezz, assassino”

Condividi su:

NAPOLI — “Chi di speranza vive disperato muore” è uno degli striscioni esposto all’esterno del teatro Salone Margherita a Napoli, per protestare contro il ministro della Salute Roberto Speranza, atteso in città per un appuntamento elettorale. Al grido di “Assassino” e “criminale” il gruppo protesta contro l’obbligo vaccinale e il green pass. Attimi di tensione si sono registrati quando si è aggiunto un gruppo di persone con lo striscione “Italia con Paragone”, al quale, in un secondo momento, è stato consentito rimanere vicino al gruppo dopo aver coperto il simbolo di “Italexit”. Le forze dell’ordine hanno creato un cordone di sicurezza per delimitare la zona.

Condividi su:

7 thoughts on “Speranza a Napoli per la campagna elettorale, cittadini lo contestano: “Munnezz, assassino”

  1. Morto per malore improvviso anche Riello, 60 anni, nella sua azienda omonima. Morto, forse per lo stesso motivo, anche Ivan Dravicevic, 39 anni.

  2. Gli epiteti contro quel bastardo criminale sono solo, acqua di rose. Processo sommario e carcere a vita, il minimo, per non dir di peggio.

  3. SPERANZA, questa inqualificabile ”realtà”, immonda, impura, corrotta, disonesta…, oltre a essere “munnezza e assassino”, è anche assolutamente un ignobile e spregevole CRETINO.
    Con quale coraggio e buon senso possa aver pensato QUESTO CRIMINALE OMICIDA di fare una simile cacciata A NAPOLI, non si capisce, e non si spiega se non con queste considerazioni: perché è UN IMBECILLE, UN IDIOTA, UN DEFICIENTE, UN SUBNORMALE, UN OLIGOFRENICO INSOMMA, in assenza assoluta di “Q.I.”!
    Nella più assoluta INCOSCIENZA che sempre ha tenuto, Speranza ha dimostrato nel delicato lavoro che per INCOMPETENZA non poteva né doveva essergli affidato, di non essere, E NON ESSERE STATO all’altezza del compito, ed è stato anche UN PESSIMO BURATTINO che più di UCCIDERE e dimostrarsi la MUNNEZZA che è, riconosciuta a GRAN VOCE dai Napoletani, anche in quest’occasione, non poteva fare!

  4. È troppo poco… Questa chiavica umana meriterebbe decisamente di peggio, moooolto peggio… Dovrebbe ritornare nelle fogne, il suo habitat naturale lo aspetta… Oppure in un centro di igiene mentale con indosso una camicia di forza… Ma sono magnanima e realista, accetto pure l’anonimato… Pure la gogna mediatica sarebbe troppo poco per lui. Ho letto il suo libro e deve farsi curare seriamente per il suo bene ma anche per il nostro e pure urgentemente… È ipocondriaco… Io le dosi gliele inietterei tutte assieme, una ad una… Ci ha rovinati… Ci ha discriminati e fatti passare come untori, ecc, ha offeso la nostra intelligenza, ci ha rubato anni di vita preziosi che non ci ridaranno, ecc… Tutto ciò è andato ben oltre la soglia di ogni umana comprensione… È una persona problematica… È altresì un assassino ma bensì anche un incapace. Di medicina non sa praticamente nulla. Carcere a vita e che buttino via le chiavi… E non soltanto per gli anziani malati uccisi con Tachipirina e vigile attesa ma anche per le persone giovanissime e non decedute dopo le dosi di merda liquida e magari costoro erano pure già immuni grazie al proprio gruppo sanguigno immune… Troppi ne stanno crepando, anche gente che con il virus non rischiava proprio NULLA. Come se non bastasse questo emerito stronzo mette ansia ed ha ignorato e sconsigliato apertamente esami sierologici e immunità naturale soltanto per i soldi e per smaltire tutte le dosi inutili di vaccini sperimentali covid-19 acquistati… Ps: trovo bellissimo lo slogan dei contestatori rivolto a Speranza. Almeno gli italiani qualcosa fanno, invece i sardi dormono… Ronf ronf… Buona nanna…

  5. Si dice che porta i pannoloni perché per la paura si smerda addosso, fra poco gli verrà l’hailzamer con Parkinson di contorno.

  6. In provincia di Lecce è morto Genuino De Marco, avuto un malore mentre giocava a padel.
    Soccorso da alcuni presenti e accompagnato a casa è deceduto per malore improvviso.
    Aveva 54 anni

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.