Soumahoro: “Io in Italia mi sono pure laureato. La Meloni può quindi chiamarmi Dottore”

Condividi su:

Aboubakar Soumahoro, deputato eletto in parlamento, è stato ospite a Che tempo che fa ed è tornato sulla polemica inerente il “tu” con il quale il presidente del Consiglio si è rivolta a lui durante la replica alla Camera nel giorno della fiducia. Un lapsus di Giorgia Meloni che la sinistra non ha perso tempo a strumentalizzare e che lui stesso continua a cavalcare. Infatti Aboubakar Soumahoro è tornato a far leva sulla questione del colonialismo: “Tanti anni fa nelle colonie, i colonizzatori chiamavano i colonizzati utilizzando il tu, semplicemente perché il lei era ritenuto onorabile ed era riservato solo ai bianchi. Quindi questo termine oggi è un richiamo a tutto questo, ma anche un modo per guardare le persone dall’alto verso il basso solo perché sono donne, neri o della comunità LGBTQ, perché ritenute inferiori”.

Una polemica strumentale e pretestuosa, quella di Aboubakar Soumahoro, che esibendo tutta la spocchia di cui è ricca la sinistra italiana ha aggiunto: “La presidente può darmi anche del Dottore, sono laureato”. Se questi sono i temi con i quali la sinistra intende fare opposizione, non stupisce che nei sondaggi sia in caduta libera. La sinistra ha preferito attaccarsi a questo minimo appiglio per montare una polemica sterile, che Aboubakar Soumahoro continua a portare avanti anche grazie alla spalla che viene offerta da certi programmi tv impregnati di idealismo e buonismo strumentale, come quello condotto da Fabio Fazio sulla tv pubblica. Lo ha riportato www.ilgiornale.it.

Condividi su:

14 thoughts on “Soumahoro: “Io in Italia mi sono pure laureato. La Meloni può quindi chiamarmi Dottore”

  1. dottore de che? de barconame? ammiraglio degli scorreggioni infatuati del reddito e del ciondolare alla stazione centrale di mil’ano? ma va a cagher!

  2. Ha ragione, la caciottara non è nemmeno laureata per cui piaccia o no chi si laurea in Italia ha il titolo di dottore, qualunque sia il colore della sua pelle.

    La Giorgetta ha già fatto una figura di merda spaziale, e deve iniziare a praticare l’educazione in aula di Parlamento e riferirsi ai colleghi dando del Lei, perché al mercato del pesce sotto casa sua certe mancanze di rispetto forse sono normali, ma in Parlamento no.
    Non le piace l’onorevole di origine africana? Problema suo.
    Non è abituata a rispettare le istituzioni e l’etichetta? Cambi mestiere.

    1. Ma vattene aff**** piddina travestita…parli come la Bonino quando si tratta di femminismo. Ora riesci pure a prendere le parte di abustocazz il novello obama denoantri. Quindi ricapitolando…sei femminista, odi gli uomini italiani, sembri godere del fatto che la gente crepi per il vax e venga rimpiazzata da pakistani e africani e affossi la meloni per prendere le parti a sto africano costruito a tavolino. Insomma…sembri una esponente di +Europa. MA sei sicura di non esserti vaccinata con 3 dosi? Perché tutti quelli che la pensano come te si son sparati 3 pere se non 4.
      P.S. In un altro post hai detto che se io e Dino siamo i prototipi dell’uomo italiano allora meritiamo l’estinzione e tu preferisci andare con un russo perché i russi loro sì che rispettano le donne…tanto, tu non ci hai mai visto e non ci conosci. Di certo con te io non prenderei nemmeno un caffè, figurati altro. Io ho una compagna da anni che non ha ragione di esprimere posizioni femministe o acide perché da me, uomo italico, ha sempre avuto rispetto e considerazione egualitaria. Tu? DAll’astio e dalla rabbia con cui scrivi ti immagino zitella, attempata e bruttarella…mi spiace se ti sono andate male le cose nella vita ma non romperci i coglioni che noi non ti abbiamo fatto niente. VAi pure in russia o dove ti pare e tanti auguri.

      1. Bla bla bla.
        Non ti leggo Nero, in genere mi fermo al nickname, per cui relax.

  3. Perché non fa qualcosa per gli immigrati clandestini? Mi chiedono sempre l’elemosina, eppure sono più povera io di loro… Comunque, stavo leggendo i commenti e se proprio dobbiamo metterla sul piano della laurea nemmeno la Lorenzin ne ha una. E nemmeno la Grassanova. Poi non so, magari conoscevano una certa Laura? Ahahah. Ho fatto la battuta. E ce ne sono pure degli altri che non ce l’hanno… Inoltre io ho avuto delle maestre demmerda e violente, saranno state laureate? E chi faceva le strade un tempo? Mentre guardate come lavorano adesso anche alcuni muratori… Nemmeno io ho una laurea né tantomeno un diploma per il semplice fatto che mia madre farmi studiare la considerava una perdita di denaro… Ma questo non credo mi renda automaticamente stupida, anzi, certo, mi sento costantemente in difetto però. Ma un laureato mi disse che per come mi esprimo e tutto sono intelligente e sembro una laureata ed è come se lo fossi. E non è stato l’unico a dirmelo… E del lei lo danno pure a me che sono più giovane di quelli che mi danno del lei, non se la prenda signor abukoso quindi… Non è per difendere Giorgia ma una non può nemmeno più sbagliare che subìto i pidioti devono strumentalizzare tutto? Quanti laureati poi sembra che scrivano con i piedi e ragionano anche di merd.. (?) Non sono tutti acculturati, eh. Di Giorgia Meloni apprezzo questa frase che disse riguardo i cacchini sperimentali covid-19: “A mia figlia non la farò vaccinare. Non faccio l’iniezione di adrenalina se non ho uno shock anafilattico”… Quanto ha ragione… Ha centrato il punto…

  4. Lo chiamiamo come vuole, basta che non venga a dire a noi italiani cosa dobbiamo e cosa non dobbiamo fare.

  5. In cosa e’ laureato il DOTTORE Sumahoro? Medicina? Fisica? Biochimica? Storia? Scienze dei Dati? Letteratura, Lingue, Legge, Economia, Matematica? No, ha preso una laurea in SOCIOLOGIA, disciplina difficilissima, che richiede un alto quoziente intellettivo, anni e anni di studi, esami pesantissimi………

  6. Sei li solo perchè l’ITALIA te lo ha permesso..capra, senno’ saresti in africa a mangiare le mosche! taci

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.