Sorrento, lo chef Antonio Capone ucciso da malore a soli 30 anni

Condividi su:

Antonio Capone, è stato ritrovato senza vita in una camera dell’hotel in cui prestava servizio: Baia delle Sirene. Per accertare le cause è stata disposta l’autopsia. Il ragazzo, della provincia di Napoli, era stato assunto come aiuto cuoco. All’inizio del mese aveva iniziato a lavorare presso il noto albergo, dove alloggiava. Ieri era il suo giorno di riposo, e per l’intera mattinata non è stato visto uscire dalla camera da letto.

Intorno alle 14, i dipendenti della struttura, preoccupati, hanno pensato di verificare come mai Antonio tardasse ad alzarsi. Entrati in camera, hanno trovato il giovane collega cadavere. I sanitari del 118 di Policastro hanno provato invano a rianimarlo, ma per il giovane cuoco non c’è stato nulla da fare. La Procura di Vallo della Lucania ha aperto un fascicolo per verificare cosa possa aver causato la morte del ragazzo che pare godesse di buona salute. Il primo esame del corpo è stato eseguito dal medico legale Adamo Maiese. Lo ha riportato il Riformista.

Condividi su:

5 thoughts on “Sorrento, lo chef Antonio Capone ucciso da malore a soli 30 anni

  1. Un altro punturato… Il cui siero ha fatto coagulare il sangue…peccato.
    Però pensarci prima ? Uno?

  2. Tanto tutto quello che ci dicono è che stanno bene, peccato che la stragrande maggiornanza di tutti questi iniettati di sto schifo di sostanze che sono morti, compresi atleti di prim’ordine, stavano tutti molto bene, però 30 secondi dopo avevano già lasciato il pianeta terra per chissà quale altra dimensione…

  3. Quo usque tandem abutere, Catilina, patientia nostra? Quam diu etiam furor iste tuus nos eludet? Quem ad finem sese effrenata iactabit audacia?

    A chi aspettiamo a metterli in fila tutti i migluoiri (virustar comprese) e siringarli per bene col loro sacro siero?

    Belli, nulla sarà più come prima e questa estate all’italiana questa volta è la quiete prima della tempesta. E che tempesta!

  4. Povero ragazzo. Se ne sentono davvero troppe, per carità. Chissà se sarà stato ‘vaccinato’. E quanti ne omettono poi. Anche in Sardegna ho letto di un tizio di 59 anni che ha avuto un malore in nave e se non erro è caduto in mare se non ricordo male. Ma oggi sto un po’ così dato che non ho dormito grazie a queste pazze casinare con cui purtroppo mi vedo costretta a dover convivere, poi fa troppo caldo, ecc. Comunque ho dato un’occhiata al profilo del tizio sardo e aveva pubblicato ben due covidiozie pseudo moraliste e buoniste progreencazz. Magari porta sfiga. Probabile che si fosse fatto fare il cacchino. Contenti loro. Ma in Sardegna dormono. Sempre detto, a causa del cacchino stanno morendo giovani e gente che comunque è al di sotto di una certa fascia di età ma anche molti anziani. Vedo anche i necrologi… Mentre con il covid solo anziani, contenti loro…

Rispondi a Anonimo Annulla risposta

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.