Sorella di Camilla: “Mia sorella era sana. Media sbugiardati, insistevano che avesse malattie”

Condividi su:

La 18enne Camilla Canepa uccisa ufficialmente dalle reazioni avverse del vaccino AstraZeneca. Lo hanno stabilito gli esami autoptici. La sorella Beatrice attacca TV e giornali allineati alla narrazione mainstream: “Era sana”. Sono bastate queste due parole per acuire in me un dolore mai sopito. Che poi non è una novità che mia sorella fosse sana. Lo sapevamo tutti. Da sempre. E Dio solo sa quanto male faceva, nella drammaticità del lutto che da giugno ha cambiato per sempre le nostre vite, leggere continuamente di presunte “malattie pregresse”. Oltre a provare un dolore incommensurabile, quasi fisico, per l’immenso assurdo vuoto lasciato dalla scomparsa di mia sorella, perdevo ogni giorno di più la fiducia verso il prossimo”.



Ora che queste infondate illazioni sono state ufficialmente sbugiardate tornerò a pensare alla Cami con la devozione che merita, senza più distrazioni. Quello che eravamo noi due insieme non lo so descrivere. Ho avuto la fortuna di avere accanto la migliore delle sorelle possibili. Accettare l’assurdità di quanto le è accaduto mi sembra un traguardo ancora molto lontano, probabilmente irraggiungibile. Ma tenere vivo il ricordo della straordinaria ragazza che era e dell’incredibile segno che ha lasciato nelle nostre vite trovo invece sia doveroso”.

Condividi su:

4 thoughts on “Sorella di Camilla: “Mia sorella era sana. Media sbugiardati, insistevano che avesse malattie”

  1. OGNI GIORNALISTA SERIO dovrebbe provare a mettersi nei panni del padre di Camilla.

    MA ALCUNI di loro HANNO I CUORI DURI COME PIETRE. FANNO PENA UMANAMENTE. —> MA NON SI VERGOGNANO? E NON SI VERGOGNANO DI LORO LE LORO MOGLI, I LORO MARITI, E I LORO FIGLI?

    ALCUNI DI LORO TIRANO DIRITTO… GLI PIACE SOLO FARE DA CASSA DI RISONANZA AL REGIME: se ne pentiranno amaramente.

  2. Camilla, eri proprio bellissima. Sai, adesso l’Europa ha finalmente risposto alla domanda dell’Onorevole Sergio Berlato. Ci hanno messo un po’ a rispondere, ma hanno risposto.

    “Berlato ottiene dall’UE il rispetto della legge: “NON VA DISCRIMINATO CHI NON SI VACCINA”.
    di Anna Mirabile —> La nota ufficiale dell’UE dà ragione a Berlato. Il green pass agevola la libera circolazione fra Stati, non discrimina chi non si vaccina”.

    “MI AUGURO CHE LA MAGISTRATURA INTERVENGA”. —> Termina in questo modo l’intervista che ha dato a Roma.it
    ———> “E ora ci dicono che bisogna fare due dosi l’anno per essere protetti, cosi le persone saranno costrette alla profilassi per sempre, ammesso che sopravvivano a queste tecniche nuove. Negare le cure domiciliari è stato delittuoso”.

    https://www.romait.it/berlato-ottiene-dallue-il-rispetto-della-legge-non-va-discriminato-chi-non-si-vaccina.html

  3. SFURIATA DELLA DR.SSA FERRARI ▷ “SONO SCHIFATA! IL GOVERNO SE NE STA SBATTENDO DELLA VOSTRA SALUTE”

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.