Sinagra a Draghi: “Lei, Speranza e Lamorgese state facendo troppo male all’Italia. Andatevene”

Condividi su:

Di prof. Augusto Sinagra – Gentile Cavaliere, io non sono intelligente come lei e vorrei chiedere una spiegazione a lei che sa tutto ed è così preoccupato della salute di noi tutti. Mi viene quasi da chiamarla “babbo”. Se il siero magico che lei promuove come un vero piazzista, é così miracoloso come lei assicura, mi spiega per quale minchia di ragione non lo si impone come obbligatorio? Oltre a salvare la vita a tutti gli italiani, farebbe felice il Generale Pennuto che potrebbe irrompere nelle nostre case armi in pugno, il pampero argentino che si occupa di profilassi epidemiche e non di Vangeli, tanti virologi da operetta a libro paga di Big Pharma e le stesse Case farmaceutiche, oltre a tanti tangentisti e merdaioli di ogni genere.

C’è il precedente specifico della legge del 1966 che rese giustamente obbligatoria la inoculazione contro la polio. Allora perché non lo fa? Il motivo non può essere il dover poi pagare risarcimenti milionari per i danneggiati da eventi avversi poiché la Corte costituzionale (non so se lei la ha mai sentita nominare) ha stabilito che il risarcimento è dovuto anche in assenza di obbligatorietà. Allora, il motivo della non obbligatorietà (cui si preferisce il ricatto) è un altro ed è inconfessabile.

A questa mia domanda che ovviamente non avrà risposta, mi permetto di far seguire un suggerimento: lei, Speranza, Lamorgese e tutta la allegra compagnia che ci fa ridicolizzare all’estero, andatevene, fatevi dimenticare. Avete già fatto troppo male all’Italia (il “vostro Paese”, come dice lei con sincerità freudiana) e agli Italiani. Ma andatevene di notte, protetti da quelle tenebre e ombre che hanno caratterizzato tutto il male che avete fatto.

Condividi su:

14 thoughts on “Sinagra a Draghi: “Lei, Speranza e Lamorgese state facendo troppo male all’Italia. Andatevene”

    1. @Cesarezac NON CREDO TI FACCIA ONORE QUELLO CHE HAI SCRITTO. RIFLETTICI BENE.

      UNA PERSONA SAGGIA, QUELLA CHE DIMOSTRI DI NON ESSERE, ARGOMENTA CONTROBATTENDO. —> TU, INVECE, SAI SOLO INSULTARE..

      DAVVERO NON TI RENDI CONTO DI QUANTO DISCREDITO BUTTI ADDOSSO A TE STESSO?

  1. Ecco il testo della lettera a firma dei sopravvissuti all’Olocausto della Seconda Guerra Mondiale —> «In the letter, they expressed their concerns over the Covid-19 vaccines, calling for an immediate stop…

    ——> “this ungodly and criminal medical experiment on humankind” ».

    ”https://doctors4covidethics.org/holocaust-survivors-letter-to-international-criminal-court/

  2. Se ne andrà solo quando l’Europa lo vedrà per quello che è, un vile affarista e pure scollegato dai lavoratori. Che brutta figura che fa davanti alla Von Der Leyen e zia Merkel…..

  3. CHE TRISTEZZA, MA PROFESSOR DRAGHI CHE COSA LE DICE LA TESTA?

    “…Al Battaglione Carabinieri di Mestre, lo stesso in cui quattro militari sono stati cacciati dalla camerata alla mezzanotte di ieri perché sprovvisti di lasciapassare, è stato loro detto che TUTTI I SACROSANTI GIORNI DEVONO PRESENTARSI ALLA PORTA PER COMUNICARE LA MANCANZA DI CERTIFICAZIONE”. Zetti la definisce una sorta di “obbligo di firma per chi non si è vaccinato“. Si tratta di una iperbole, ma rende bene l’idea. “È ridicolo, non ha riscontro in nessuna amministrazione d’Italia. Ma come si inventano cose del genere? È pura follia”.

    https://www.nicolaporro.it/follia-green-pass-carabinieri-costretti-allobbligo-di-firma/

  4. Sinagra è bollito anche lui: tra tanti argomenti seri per opporsi razionalmente e politicamente a draghi e alle politiche di questo governo, ha scelto la strada sbagliata, l’insulto gratuito.
    Si aggiunge alla lista sempre più lunga di ex autorevoli figure fagocitate dalla assenza di ragionamenti

    1. @Federico Gabrieli

      NON leggo insulti, tanto meno gratuiti, nel testo pubblicato sopra. Dunque, sarebbe gentile da parte Tua indicarci le parole che, a Tuo avviso, sono ingiuriose. Grazie.

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.