Sgarbi affonda Pregliasco: “Devi smetterla di deridere chi cura il Covid-19 per davvero”

Condividi su:

È scontro su La7 tra Sgarbi e il virologo Pregliasco. Ad accendere la miccia tra i due sono le cure domiciliari contro il Covid. A rappresentanza di una grande fetta di medici che hanno aderito al protocollo domiciliare c’è Andrea Stramezzi, dentista, oggi impegnato alla lotta al coronavirus. A prenderne le difese del dentista è Vittorio Sgarbi: “Stramezzi così come altri, che sono colleghi di Pregliasco, siccome non hanno accettato la dottrina del Dio vaccino li avete trattati come delle merde!”. “Ma non è così dai”, prova a rispondere il virologo. “Come no? – ribatte il critico d’arte -.  Lo stai facendo tu con lui, gli hai detto 4 volte demenziale“. “Ne sono totalmente convinto infatti!”, ribadisce Pregliasco. Lo riporta quest’oggi MAG24.ES.

Sempre Pregliasco: “È un testimonial negativo perché dice queste cose quando è un collega medico”. Il politico gli punta il dito contro: “Eh ma anche tu sei negativo perché tu hai distribuito come tutti in televisione la paura per una malattia che è di gran lunga meno importante del cancro”. “Era necessaria, ci voleva (la paura, nda), era una malattia pericolosa”, si giustifica Pregliasco. Sgarbi prosegue: “Non hai detto non fumate! Lo Stato ha tenuto aperto le tabaccherie e ha proibito di andare in bicicletta all’inizio”. 

Condividi su:

8 thoughts on “Sgarbi affonda Pregliasco: “Devi smetterla di deridere chi cura il Covid-19 per davvero”

  1. @Pregliasco “È un testimonial negativo perché dice queste cose quando è un collega medico”.

    Barbara Giorgini, la docente marchigiana di Lingua italiana e Storia, incita i propri studenti ad esercitare il pensiero critico: https://www.youtube.com/watch?v=uBOchflC2Ck —-> “La scuola è una palestra formidabile per essere pronti al confronto. Aprire gli occhi e sfuggire alle manipolazioni”

    La docente si fida della scienza “dove ci sono dati certi e incontrovertibili”. E si domanda come mai una persona in buona salute, “dovrebbe farsi inoculare un siero, il c.d. “vaccino” quando solo alcune voci possono parlare, e altre vengono ridicolizzate”.

  2. “Dati certi ed incontrovertibili” non ci saranno mai dalle pubblicazioni scientifiche in ambito medico, perché esse si basano su statistiche, su campioni, su dati probabilistici, ovvero sull’incertezza caratteristica propria delle probabilità. In secondo luogo le riviste cosiddette scientifiche, non sono indipendenti, ma in esse hanno le mani in pasta, come si suol dire, proprio le case farmaceutiche. C’è una commistione palese, provata, provabile, evidente, tra riviste scientifiche e case farmaceutiche, perciò esse non potranno mai fornire dati incontrovertibili. Qualsiasi voce fuori dal coro viene censurata, mai pubblicata. Se qualche campione statistico contraddicesse l’ipotesi iniziale che si volesse dimostrare, sarebbe subito scartato, e se ne cercherebbe un’altro. Non esiste etica, morale, purezza, indipendenza di giudizio. La cosiddetta “scienza” non è affatto scienza, ma un qualcosa di corrotto, di estremamente corrotto. La medicina poi non è affatto una scienza, ma un’arte, l’arte medica, che si avvale del contributo di scienze. Per concludere, la gran confusione che c’è in giro a tutti i livelli, nasce proprio da questo, dall’idolatrare una “scienza” che non è affatto scienza, che non è per nulla esatta, che non è parente neppure lontanamente della verità e della Verità, che è al servizio del potere, dei potentin e soprattutto del dio denaro.

  3. DA TWITTER

    Roberto Burioni @RobertoBurioni https://mobile.twitter.com/RobertoBurioni

    “In prima serata, quasi a reti unificate, viene dato molto spazio a personaggi che vi raccontano bugie pericolose che io adesso vorrei smentirvi. Ma ha senso, considerando che le bugie sono infinite e molto semplici mentre la verità è solo una e complicata da spiegare? No.”

    MA DI QUALI BUGIE PERICOLOSE PARLA BURIONI? QUALI SONO QUESTI PERSONAGGI CHE IN PRIMA SERATA A RETI QUASI UNIFICATE HANNO PARLATO? grazie se me lo sapete dire.

    1. Di ciò che dicono AIFA ed EMA sulla sicurezza dei vaccini non mi importa nulla, NEMMENO A DICEMBRE 2023! Infatti già ORA si vede subito che gli effetti avversi sono numerosissimi, e i benefici modesti, la stessa FDA ha già detto che per ogni persona salvata i vaccini ne uccidono 2! Quindi se anche li autorizzassero a dicembre 2023 non basterebbe affatto per rendere la vaccinazione obbligatoria, per un virus che è curabilissimo se preso subito, e senza il rischio di farsi iniettare farmaci che possono rovinarti il sistema immunitario e i vasi sanguigni.

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.