Sanzioni, Orban: “Tutti i tentativi di indebolire Mosca sono falliti”

Condividi su:

ROMA – Secondo il premier ungherese Viktor Orban, i tentativi di indebolire la Russia non hanno avuto successo nonostante 11.000 sanzioni. “A causa delle sanzioni e della guerra, l’Europa potrebbe rimanere senza energia. Sono 11mila le sanzioni in vigore contro la Russia, ma la guerra è ancora in corso, i tentativi di indebolire la Russia sono falliti”, ha detto Orban, citato dal suo portavoce in un tweet. “Non ci sarà carenza di energia in Ungheria. Questa non è una previsione, è un dato di fatto. In Ungheria avremo abbastanza gas ed elettricità a sufficienza”.

Oggi il governo ungherese ha annunciato nuove misure per far fronte alla crisi energetica, tra cui la riduzione del 25% del consumo di gas imposta alle istituzioni e alle società statali. Il provvedimento non si applica agli ospedali e alle istituzioni di assistenza sociale, ha affermato il capo di gabinetto del premier, Gergely Gulyás, in conferenza stampa. Per il riscaldamento invernale, la temperatura negli edifici pubblici non dovrà superare i 18 gradi centigradi. Budapest, inoltre, limiterà i prezzi della legna da ardere e lancerà un programma per sostenere le piccole e medie imprese ad alta intensità energeticaANSA EUROPA

Condividi su:

4 thoughts on “Sanzioni, Orban: “Tutti i tentativi di indebolire Mosca sono falliti”

  1. Orban dovrebbe essere di esempio a tutti gli altri presidenti e premier europei. Fa quel che conviene al suo paese e al suo popolo e se ne frega di quel che vogliono oltreoceano.

  2. Povere merde occidentali al soldo dei massoni angloamericani, ieri è finalmente morta ufficialmente -ché era già morta a febbraio- la megera reale inglese, il vostro sistema si sbriciola a grande velocità! Amato l’altra mummia ha mollato la Corte Costituzionale in vista del disastro del Titanic imminente… vi conviene cominciare a scappare perché zio Vladimir per fortuna non perdona, il vostro tempo è FINITO, e ve ne accorgerete molto presto.
    Vai zio!

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.