Sanità, in arrivo 2mila medici e infermieri ucraini: sostituiranno i sanitari italiani sospesi

Condividi su:

Continua ad essere pesante la polemica sui social e nell’ambito sindacale per l’arrivo in Italia di circa 2000 Medici e Infermieri che, senza il riconoscimento del titolo e le prove linguistiche, potranno lavorare in Italia in sostituzione dei professionisti sanitari sospesi e per chi vorrà con contratti a tempo nelle strutture private. A richiederli le regioni Puglia, Calabria, Sicilia e Veneto, a cui si starebbero per aggiungere Piemonte, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Lazio e Lombardia.

A permetterne l’assunzione diretta, fino al 4 marzo 2023, è il Decreto legge 21 marzo 2022, n. 21 “Misure urgenti per contrastare gli effetti economici e umanitari della crisi ucraina”, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 21/03/2022, n. 67. L’articolo 34 del decreto prevede che «a decorrere dalla data di entrata in vigore del presente decreto e fino al 4 marzo 2023, in deroga al regolamento del decreto del 1999, numero 394, e alle disposizioni del decreto del 2007, è consentito l’esercizio temporaneo della professione». Sui social non si placano le polemiche e anche i sindacati medici e infermieristici dissentono da tale decisione. Va bene la solidarietà, dicono, ma occorre prima capire se il personale interno dei professionisti è disponibile o meno a ricoprire gli incarichi che verrebbero occupati dagli ucraini.

Condividi su:

9 thoughts on “Sanità, in arrivo 2mila medici e infermieri ucraini: sostituiranno i sanitari italiani sospesi

  1. Tranquilli andra tutto BENE !!
    Soprattutto per chi per convenienza si e piegato alla favola Covid.
    Questo e solo un esperimento , poi arriveranno i profughi dottori ed infine anche i politici migranti !
    E gia successo 1500 anni fa con la caduta dell impero romano e succedera ancora a tutti gli imperi !

  2. Questo è il trattamento riservato ai sanitari no vax, ma la macchina della schiavizzazione è stata appena accesa.
    Tra poco arriverà il trattamento per il resto dei sanitari, lavorare alle stesse condizioni economiche degli ucraini.
    Non vedo l’ora di godermi lo spettacolo.

  3. Ecco come quello che viene chiamato “solidarieta’” e’ in realta’ “occasione” per chi (sia ospedali privati che pubblici) ci guadagnera’. Immagino che li pagheranno molto di meno degli italiani, che intanto resteranno senza lavoro. Chiaro esempio del perche’ l’immigrazione di massa NON E’ una cosa di sinistra. Infatti era avversata perfino da Karl Marx gia’ 150 anni fa.

  4. Non ci pensate proprio!!!!
    Non ESISTE ch’io mi metta nelle mani di un Uk. Allora stavo in quelle dei Bazzini !!!! Non mi fido nemmeno più del veterinario del mio cane, pensa un po’ se mi affido ….!!!! Ma fottetevi tutti quanti siete !!!!!

  5. non servono a casa loro? hanno la guerra e mandano via i medici? sai che aiuto per il popolo ucraino….fottergli i medici durante la guerra! certo che i minchioni che ci governano oltre che ladri sono pure idioti

  6. non preoccupatevi medici e sanitari coglioni !
    Adesso ridete e vi compiacete perche sostituiscono le persone rette che non si sono vaccinate con dei quaquaraqua!
    Ma domani subirete la stessa sorte !
    Come diceva una canzone ,
    Tanto prima o poi gli altri siamo noi !!!

  7. Cioè, questi non dovrebbero essere giustiziati dalla giustizia Ucraina per alto tradimento e diserzione. Fanno vedere che c’è dolore, feriti, morte e loro scappano in Italia? non devono servire il loro paese? la libertà dov’è?

Rispondi a Gino+ Annulla risposta

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.