Rimini: somalo accoltella cinque persone, tra cui un bimbo di 6 anni alla gola (FOTO)

Condividi!

Paura a Rimini nel tardo pomeriggio di sabato. Un immigrato somalo, su un autobus, quando si è trovato di fronte a un controllo del biglietto, ha aggredito con un coltello le due addette. Poi è sceso dal mezzo, è scappato e nella sua fuga ha ferito altre tre persone, fra le quali un bambino alla gola. Alla fine è stato fermato dalla polizia e arrestato. L’episodio è accaduto nel tardo pomeriggio sulla linea 11 degli autobus di Rimini, in zona Miramare, collega la città con Riccione. tg24.sky

L’aggressore è un 26enne di origine somala. Era arrivato nel 2015 in Europa e aveva già fatto domanda per lo status di rifugiato in Danimarca, Svezia, Germania e Olanda. Da qualche mese era in Italia e aveva ripresentato la domanda. Sulle ragioni del gesto gli inquirenti stanno indagando. Quella che pare al momento esclusa è la pista terroristica: l’uomo, infatti, non ha precedenti specifici e non sarebbe riconducibile ad ambienti terroristici o estremistici. Era ospitato in una struttura della Croce Rossa e secondo alcune testimonianze aveva manifestato una personalità violenta e aggressiva.

Condividi!

8 thoughts on “Rimini: somalo accoltella cinque persone, tra cui un bimbo di 6 anni alla gola (FOTO)

  1. Che problemi avete, al cospetto di un Giudice di sinistra, dopo 3 minuti il somalo verrà scarcerato vittima del fatto che il bambino si è scagliato addosso al coltello assassino, al somalo auto di scorta, perché vittima dell’odio degli italiani. Viva l’Italia.

  2. Dato che non capisce l’italiano, per garantirgli un equo giudizio avrà interprete e traduttore senza costi aggiuntivi (ovviamente, i costi sono a carico dei contribuenti italiani).

    Il tema è disciplinato dalle Direttive Comunitarie 2010/64/ UE del 20 ottobre 2010 sul diritto all’interpretazione e alla traduzione degli atti nei procedimenti penali e 2012/13/UE del 22 maggio 2012 sul diritto all’informazione dell’addebito penale

    https://www.penalecontemporaneo.it/upload/1982-perugia2018a.pdf

  3. Acoltellare 5 persone tra cui un bambino di 6 anni alla gola, non sarà mai grave come opporsi al green pass e alla vaccinazione, ricordatevelo bene!!!

  4. Ecco la nostra belle italietta: da un lato severa, anzi severissima, contro i residenti cittadini che osano mettere in dubbio l’efficacia del siero magico, mentre dall’altro lato indulgente e bonaria nei confronti di stranieri che possono venire quì a vivere tranquillamente di espedienti, come se fossero al Luna Park! Ma ricordatevi bene: questo somalo è venuto in italia con il solo scopo di pagarci la pensione…

  5. Quando la gente capirà che se vuoi vivere devi essere ARMATO, SARÀ UN BEL SALTO IN AVANTI.
    con questo nn sto dicendo che le armi vadano usate, ma preferisco molto meglio doverle usare che essere da questi ucciso..
    MORT TUA VITA MEA.

  6. @Orazio, so che il Tuo è un banale refuso… MORS TUA, VITA MEA.

    Credo che stiano finalmente capendo che sui mezzi di trasporto (e non solo in quel contesto) siamo tornati a vivere come nella giungla. Adesso, però, esiste un nuovo mezzo per sbarazzarsi delle persone … lo chiamano vaccino anti-Covid: sempre di arma letale si tratta. Poco importa se la parola “vaccino” nell’immaginario collettivo è associata a qualcosa che protegge … con le parole loro giocano.

    Il problema è che NON tutti capiscono a che gioco ci hanno costretto a giocare. Speriamo che si SVEGLINO TUTTI ALLA SVELTA. Speriamo di portare in salvo i 10 milioni di No_COVID-VAX italiani da quelle armi che a me (non so a Te) non sembra proprio giusto usare.

    Meglio la penna della spada. E contro il siero genico, lo sappiamo, ci sono avvocati che hanno già affilato la propria.

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: