Reggio Emilia, morto all’improvviso Saverio Morselli: era vaccinato con la terza dose

Condividi su:

REGGIO EMILIA – Rappresentante di spicco dell’Anpi cittadina e presidente fino all’ultimo della sezione Risorgimento, grandissimo tifoso della Reggiana, convinto partecipe della vita pubblica e sociale di Reggio Emilia. Aveva 66 anni. La sua morte, improvvisa per tutti, ha lasciato sgomento il mondo dell’antifascismo, dell’impegno civile e persino dello sport reggiano. Perché Saverio Morselli, deceduto lunedì a 66 anni, era tutto questo e molto di più.

Rappresentante di spicco dell’Anpi cittadina e presidente fino all’ultimo della sezione Risorgimento, grandissimo tifoso della Reggiana, convinto partecipe della vita pubblica e sociale di Reggio Emilia. Ma anche pacifista, ambientalista, contro il nucleare, un’anima multicolore, ma sempre con una prevalenza di rosso, così come le bandiere da lui spesso sventolate nel corso di decine di manifestazioni. Lo riporta la Gazzetta di Reggio.

Condividi su:

5 thoughts on “Reggio Emilia, morto all’improvviso Saverio Morselli: era vaccinato con la terza dose

  1. Questi antifascisti non capiscono che il nemico si camuffa. Contro il nucleare ma a favore della scissione del DNA degli uomini.

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.