“Può causare problemi cardiaci nei giovani”. L’allarme sui vaccini arriva dagli Stati Uniti

Condividi!

È allarme vaccino negli Stati Uniti: il Cdc, l’agenzia federale degli Stati Uniti che fa parte del Dipartimento della salute e dei servizi umani, sta indagando su un problema cardiaco sorto in alcuni ragazzi dopo la somministrazione del farmaco anti-Covid. Sotto la lente – come riporta il New York Times – ci sono diverse decine di rapporti secondo cui adolescenti e appena maggiorenni potrebbero aver sviluppato una miocardite dopo la vaccinazione. Tuttavia non è ancora chiaro se esista effettivamente un collegamento tra l’inoculazione e quella condizione cardiaca. Così Libero Quotidiano.

Al momento si sa solo che “ci sono stati relativamente pochi casi e che possono essere del tutto indipendenti dalla vaccinazione”.  La miocardite, infatti, è un’infiammazione del muscolo cardiaco e può emergere in seguito a delle infezioni. “Può essere semplicemente una coincidenza. È più probabile che qualcosa del genere accada per caso, perché così tante persone si stanno vaccinando in questo momento”, ha spiegato Celine Gounder, specialista di malattie infettive al Bellevue Hospital Center di New York.

La maggior parte dei casi, più comuni nei maschi che nelle femmine, sembra essersi verificata quattro giorni dopo la seconda dose di uno dei vaccini a mRNA, quelli prodotti da Moderna e Pfizer. Al momento, inoltre, il numero di casi di miocardite segnalati dopo la vaccinazione non sembra essere superiore rispetto a quello che si vedrebbe normalmente nei giovani, stando al Cdc. Intanto si attendono ulteriori analisi.

Condividi!

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.