Prof. Viglione a Salvini: “Ti sei pentito? Non giocare con il fuoco. Tu sei complice di Draghi”

Condividi su:

di Massimo Viglione – Si è pentito. Quindi avevamo ragione noi? A cinque giorni dalle elezioni, Salvini si dice pentito per essere stato complice dell’obbligo sierale, del passaporto verde, del blocco degli stipendi ai cinquantenni e di tutto il resto. Se ancora gli era rimasta una gocciolina di dignità umana prima ancora che politica, ora si è bevuto anche quella.

Ora si accinge ad avallare le bollette stratosferiche, il fallimento di massa delle aziende e la miseria delle famiglie italiane, le misure inumane della transizione ecologica, la guerra alla Russia verso i suoi esiti più devastanti e tutto quello che l’agenda di Draghi imporrà. Poi però ci dirà che si è pentito. Credo che queste meschine figure di schiavi stiano iniziando a giocare con il fuoco. Chissà se lo capiscono. Ma lo capiranno. I tempi stringono.

Condividi su:

9 thoughts on “Prof. Viglione a Salvini: “Ti sei pentito? Non giocare con il fuoco. Tu sei complice di Draghi”

  1. quest’altro infame, ha fatto cadere il governo giallo verde, non ha cacciato un clandestino, ha votato ogni porcheria immaginabile e ora pensa che si rifà una pedina sparando le cazzate.
    so che questo è un popolo di imbecilli, ma il vero difetto è che non è informato è pieno di vecchi rincoglioniti che non usano come noi internet per sapere le cose, quindi non le sanno, sentono sto testa di cazzo in TV e gli credono (lui come tutti quelli che hanno appoggiato il vile affarista).
    diceva di tenere in cucina la foto di Renzi per ricordarsi quanto lui fosse stato ridicolo e non fare lo stesso errore, bene caro Salvini dei miei stivali tu sei stato PEGGIO ed era anche difficilissimo.
    Sparite una volta per tutta dalla mia, dalla nostra nazione, ingrati bastardi che non siete altro.

    1. Vecchi rincoglioniti che peraltro mantengono generazioni di altri cretini perché non credere che dai 35 anni in giù usino Internet per informarsi, ma figurati. Intere generazioni stanno scomparendo coi vaccini perché sono dei burattini senz’anima che si bevono ogni cagata del sistema pensando sia “progresso”.

      Meglio che si estinguano entrambe le categorie, devono restare solo gli svegli adatti a combattere e a creare un nuovo paradigma.

  2. Quoto anche le virgole. Ha ragione. Salveene schiavo del bugiardo Draghi come tanti altri del resto… Sto leggendo i commenti e… Oh, io ho meno di 35 anni ma internet lo uso anzitutto per informarmi. Poi ovvio, leggo anche qualche cavolata perché altrimenti per la famiglia che ho mi sarei già dovuta sparare da tempo, ho anche bisogno di leggerezza ogni tanto…😁 Non generalizziamo per favore che in Sardegna i meno cacchinati erano proprio quelli della fascia d’età compresa dei 30 fino ai 39 anni se non ricordo male, ovvero i meno venali e più concreti, nonché anche i più precari e disoccupati e quelli che forse non vanno più così tanto nei locali… I peggiori sono stati senza dubbio i bimbiminchia e quelli di una certa età secondo me perché conosco persone che senza i locali, bar, ecc, non sapevano stare e che sono corsi a farsi cacchinare anche se già immuni naturalmente… Mentre io non vado mai da nessuna parte… Per non parlare dei tizi che lavorano al comune e dei giovani che preferiscono una immunità artificiale e potenzialmente letale ad una naturale… Secondo me hanno sbattuto la testa da piccolini altrimenti non si spiega… Ps: qualcuno dice che soltanto la Spike delle dosi di cacchino siano pericolose, perché, il grafene e le nanoparticelle invece vanno bene? E i coaguli dove li lasciamo? A me pare che abbiano soltanto rischi…

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.