Prof. Sinagra: “Né la sinistra e né la destra hanno speso una parola per la figlia di Dugin. Sono serve”

Condividi su:

di Augusto SinagraLa figlia di Aleksandr Dugin è la vittima di un attentato preordinato e organizzato per uccidere suo padre. Le tracce, come sempre, portano a Washington, via Kiev. Scopo della mancata uccisione del filosofo russo era evidentemente quello di metterlo a tacere: le idee spesso sono più forti delle armi e degli eserciti, e fanno più paura. Che la c.d. sinistra italiana taccia non sorprende. È quella sinistra che voleva la morte di Antonio Gramsci mentre veniva curato nella prestigiosa clinica “Quisisana” a Roma ai Parioli a spese del governo fascista. È la stessa c.d. sinistra che armò la mano del criminale che assassinò Giovanni Gentile a Firenze, il più grande filosofo del Novecento. All’autore dell’omicidio, tale Fanciullacci, la Città di Firenze ha intitolato una strada! Tutto questo, ripeto, non sorprende. Il filo rosso di sangue che unisce i fasti e i nefasti della c.d. sinistra italiana, sono noti.

Io non ho assunto come mio bersaglio la Signora Giorgia Meloni. I miei bersagli sono molto più alti e lontani dalle miserie di piccola gente. Devo tuttavia segnalare il rumoroso silenzio della c.d. destra italiana che non ha pronunciato una sola parola ufficiale di condanna per la morte di quella povera ragazza figlia di Aleksandr Dugin. Neppure per “pietas” cristiana. Tanto costa il servilismo verso gli USA e verso la NATO. Tanto costa il servilismo per la promozione di personali interessi o di interessi di amici e di amici degli amici. Il silenzio assordante della c.d. destra in Italia è la sua definitiva condanna morale.

Forse ha ragione la vegliarda milanese Liliana Segre. Forse è meglio che dal simbolo di “Fratelli d’Italia” venga rimossa quella Fiamma tricolore che è stata una ragione di vita e una ragione di morte per tanti uomini onesti e idealisti, giovani e meno giovani che sono stati e sono un punto di riferimento storico, politico e ideale. Quel simbolo elettorale infanga la memoria di quegli Uomini per basso e volgare interesse elettorale. Dio accolga nella Sua pace la giovane Darya Dugina.

Condividi su:

9 thoughts on “Prof. Sinagra: “Né la sinistra e né la destra hanno speso una parola per la figlia di Dugin. Sono serve”

  1. “Tanto costa il servilismo verso gli USA e verso la NATO”.. . Tanto di cappello Prof. Sinagra!

  2. Servi , cinici e codardi , per qualche dollaro in più .
    Ma siamo al conto alla rovescia di questo regime globalista fatto solo per impoverirci tutti per un’élite di supermiliardari senza scrupoli che si credono Dio , non hanno un Dio , non riconoscono la divinità della Natura che sfruttano al massimo e vogliono il copyright sulle conoscenze dei popoli indigeni .
    Sembra di essere al tempo dei primi cristiani con l’impero romano .
    I paesi dell’ex 3° mondo , che ora annoverano grandi potenze non abboccano , conoscono bene il crudele imperialismo Usa & soci .
    Il dollaro scende , l’euro scende e così tutti i uomini di poca fede e che la Von der Leyen se le mangi lei le cavallette che ci propone invece del latte .
    Proprio blasfema , e ne fa spot pubblicitari sempre a nostre spese .

  3. Dice bene il prof. Sinagra, madante Washington via Kiev. Poi sarebbe la Russia lo “stato sponsor del terrorismo”, eh? E chi ha organizzato (apertamente) l’assassinio di Soulemani e di Gheddafi? Chi ha finanziato alqaeda e isis? Ipocriti loro e ipocriti i servi.

  4. Tranquillo Prof., la Russia ci farà sputare sangue come si deve a breve, l’Ucraina presto evapora e non esisterà più com’è stata finora.
    Se davvero il pagliaccio USA e getta Zelensky e le baldracche italiane al governo pensano che Putin farà finire questa storia a tarallucci e vino dopo la storia di Mariupol unita alle armi chimiche usate coi soldati russi, la centrale nucleare e la morte di Daria Dugina, è bene si trovino un bravo psichiatra.
    Leggevo un titolo di quotidiano online ieri sera :” Dopo questo attentato nessun luogo al mondo è più sicuro “.

    Esatto merde, e ce ne accorgeremo tutti molto presto, visto che c’è lo zampino pure dei servizi italioti, mi ci gioco il deretano.

  5. Apprezzo il professor Sinagra, utilizza spesso le parole più adatte e si batte per le giuste battaglie. Ma perché mai i pidioti dovrebbero dire qualcosa? Si dà il caso che loro amino i profughi ucraini novax e gli immigrati che stuprano, però discriminano gli italiani. E questa ragazza ha quanto ho capito era russa e sperava che vincessero i russi. E anche la destra non si è sbilanciata, ovvio, loro parlano perlopiù di clandestini… Però questa cosa dimostra che gli ucraini non sono dei santi come li hanno dipinti i covidioti, i media, i giornalai, anzi…

    1. *a quanto ho capito
      scusate, il cellulare è scassato e come se non bastasse ho un sonno micidiale oggi, mia madre e mia sorella non mi hanno fatto dormire. Chiedo venia. Detesto fare errori così palesi… Ovviamente so scrivere. Lol.

  6. Da partiti che non ne fai uno neanche a volerlo…. che volete?
    Questi come ben SAPPIAMO, SONO SOLAMENTE ATLANTISTI. EUROPEISTI TUTTI INDISTINTAMENTE .
    Parlare di distinguersi… si ma verso chi se tutti sono dalla stessa parte?

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.