Prof. Sinagra: “L’Associazione nazionale magistrati andrebbe sciolta per eversione”

Condividi su:


di prof. Augusto Sinagra – […] Ho letto il libro-intervista a Luca Palamara. È stata una lotta continua contro i conati di vomito. Dopo quindici anni, ho lasciato la magistratura nel 1980. Penso di aver fatto degnamente il mio lavoro. Ancora mi chiedo se qualche volta ho sbagliato. Ho sempre dubbi. Non pensavo che la magistratura potesse sprofondare nella immonda cloaca dove ora si trova. Luca Palamara è uomo intelligente, ma dice solo una parte della verità. I fatti di cui non parla sono la sua “difesa”. È evidente e “comprensibile”. Lui denuncia una serie interminabile di gravissimi delitti di cui fu coautore (anche di eversione dell’ordine costituzionale democratico) e ora confida nella impunità garantita dal “Sistema”. Non mi stupisco del “Gobbo di Notre Dame” o di un CSM ridottosi a “stanza di compensazione” di interessi illegittimi.

Mi chiedo come mai non ci sia uno straccio di Procura che dia luogo ai dovuti e conseguenti procedimenti penali contro tutti gli autori dei delitti denunciati da Luca Palamara. Non possono far finta di niente. Poi mi avvedo che sono un ingenuo: come potrebbe un PM indagare altri quando è anche lui coinvolto nei fatti oggetto di indagine penale? E ancora: perché non si scioglie la ANM in forza della legge 25 gennaio 1982, n. 17, sulle associazioni segrete ed eversive? Ma due domande vorrei porre a Luca Palamara: che senso ha avuto per lui dedicare la sua vita all’intrallazzo e al malaffare? Solo un totale deserto morale e ideale può avere motivato la sua scelta.

E ancora: è così che lui ha educato i suoi figli? Cosa a loro lui lascerà in eredità morale e ideale: il maneggio, l’intrallazzo, l’abuso, il malaffare? Mio padre non mi ha lasciato ricchezze materiali, ma mi ha insegnato (senza parlare) a vivere onestamente. Lo stesso io ho insegnato alle mie figlie. Dopo aver letto l’intervista, ho fatto come diceva il mio Prof. Vincenzo Messina al Liceo “Giovanni Meli” di Palermo: ho messo la testa nella tazza del cesso per respirare aria più pulita. E anche per oggi è tutto da “Radio Fogna” (Emittente libera di gente ancora in piedi).

Condividi su:

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.