Prete contro Biancalani: “Diversi migranti spacciano, quanti giovani devono morire ancora?”

Condividi!

E’ ancora una volta padre Nuara a prendere posizione e lo fa con dichiarazioni forti, il sacerdote in un post su Facebook interviene su temi importanti come immigrazione e droga. “Come sacerdote – ha scritto – sono per l’accoglienza, non, tuttavia, per l’emergenza. Sono stato sempre dell’idea che chiunque entra in Italia deve avere i requisiti per farlo. Inoltre, il paese che accoglie deve essere nelle condizioni di offrire un lavoro dignitoso, alla pari con chi li accoglie. Quando ciò non è possibile, sempre per il rispetto della dignità delle persone, non si accoglie. A Ribera abbiamo due tipi di extracomunitari: quelli che onestamente lavorano, anche se pagati in nero, e non danno fastidio e un altro gruppo ben nutrito che vive nell’ombra, senza una fissa dimora e senza un lavoro”.

Il sacerdote poi menziona i posti e luoghi dove a Ribera vivono alcuni immigrati: “Via Tevere – aggiunge – la cantina di Via Musso e tanti altri posti in giro per il paese sono un affronto alla dignità della persona. Se da Via Tevere si sono fatti sloggiare gli inquilini, perché le case erano pericolanti, come mai si consente ad altri di abitarci, senza sicurezza e senza alcun rispetto per l’igiene? La ex cantina di Via Musso avrà un proprietario e allora chi ne ha la responsabilità di questo degrado? Ribera è invasa dalla droga”. “Forse – conclude – aspettiamo che muoiano altri giovani per battere loro le mani all’uscita della Chiesa? L’emergenza è grave. Speriamo di non arrivare sempre tardi”. Così il giornale online Risoluto.it.

Condividi!

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.