Presidente Corte Costituzionale: “Il diritto alla salute non prevale sugli altri”

Condividi!

Diritto alla salute? Uno tra tanti: il Presidente della Corte Costituzionale Giancarlo Coraggio stronca sul nascere il monopolio del diritto alla salute in un’epoca, quella del Covid, in cui tutto sembra spesso poter essere sacrificato sull’altare della sanità. Il principale magistrato italiano ha ribadito in un’intervista dei giorni scorsi quanto sia importante l’equilibrio tra i vari diritti, una parola certamente in contrapposizione con le numerose invettive in ogni dove verso “gli assembramenti da shopping” e verso chi sostiene che la libertà sia stata minata a colpi di Dpcm.

“La salute può avere limiti? Mi piacerebbe rispondere: no, la salute non ha limiti. Ma farei un’affermazione sbagliata. In tutti i Paesi, compresa l’Italia, il diritto alla salute si deve confrontare con gli altri diritti fondamentali. Non esistono diritti tiranni, diritti che prevalgono incondizionatamente sugli altri”, dice Coraggio, il cui parere è pienamente sottoscritto dal Prof. Enrico Michetti, direttore della Gazzetta Amministrativa che appoggia Coraggio anche sulla censura di Donald Trump da parte di Mark Zuckerberg, definita “intollerabile” dal magistrato. Questo il commento in diretta di Enrico Michetti alle parole di Giancarlo Coraggio. È quanto riporta Radio Radio Tv.

Condividi!

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.