Prato, 73enne muore mentre fa la Tac: 2 giorni prima il richiamo con AstraZeneca

Condividi!

Un uomo pratese di 73 anni, Giacinto Oliva, è morto a Prato mentre stava eseguendo la Tac in un istituto privato, accusando un malore fatale. Il decesso è avvenuto ieri, poco dopo le 17.30, all’interno dell’Istituto Pratese di Radiodiagnostica “Alliance Medical” di via Guglielmo Marconi, alla periferia Est della città. Subito dopo il decesso sono intervenuti sul posto i carabinieri: la Procura di Prato ha disposto l’autopsia sul suo cadavere per accertare le cause della morte. Lo scrive NdP.

Il 73enne, a quanto si apprende da fonti investigative, aveva effettuato da due giorni il richiamo, seconda dose, del vaccino anti-Covid Astrazeneca. La procura ha immediatamente messo i riflettori sulla circostanza, chiedendo al medico legale di verificare qualsiasi eventuale correlazione tra i due fattori. Inoltre l’uomo è parente stretto della vicedirettrice della struttura medica, probabilmente suo padre. L’ufficio comunicazione dell’azienda ha spiegato che non intende rilasciare alcun tipo di dichiarazione per la riservatezza e i dati sensibili delle persone coinvolte in questa vicenda: “Siamo addolorati per il tragico evento, stiamo aspettando che vengano eseguiti tutti gli accertamenti”.

Condividi!

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.