“Portami all’inferno, pago per amore”. La Carrà accusata di inneggiare al demonio (VIDEO)

Condividi!

Il sito cattolico La Luce di Maria qualche anno fa accusò Raffaella Carrà di essere una satanista che inneggiava al demonio. Il sito in questione punta il dito contro Raffaella, colpevole di aver performato su Rai 1 una canzone dedicata a Satana: “In questo video – scrive – vi mostriamo la famosissima Raffaella Carrà nell’altrettanto programma famoso molto in voga Carramba che fortuna”:

“Il programma esordisce con il balletto di Raffaella mentre canta una canzone totalmente dedicata al “principe di questo mondo”, intitolata Satana. I riferimenti in questo caso sono totalmente espliciti con frasi del tipo ”Satana, portami all’inferno, fallo per amore, lascio tutto e vengo via con te”. Se solo pensiamo che questa esibizione, se così si può chiamare (forse meglio inneggiamento al demonio), è stata eseguita sul primo canale nazionale di fronte a milioni di persone e bambini questo ce la dice lunga su come siamo messi e che siamo, o vorremmo essere per qualcuno, il frutto di una manipolazione di massa“.

Il testo: “Vamos a bailar. Satana di vanità, anima di falsità. Satana ti sognerò. Satana mi pentirò. Satana dagli occhi blu, truccami come vuoi tu. Satana, volgarità. Satana, fatalità. Portami all’inferno, pago per amore, lascio tutto e vengo via con te. Vamos a bailar. Magica divinità, brivido di libertà, anima senza pietà, lasciami per carità. Portami all’inferno, pago per amore, lascio tutto e vengo via con te. Vamos a bailar. Portami all’inferno, pago per amore, lascio tutto e vengo via con te. Vamos a bailar”.

Condividi!

4 thoughts on ““Portami all’inferno, pago per amore”. La Carrà accusata di inneggiare al demonio (VIDEO)

  1. Al di fuori del fatto che cantava canzoni scritte e musicate da altri. La cara signora Carrà, fa parte di quel sistema di potere, catto comunista, satanista, massone, delle Casse di Risparmio emiliane bianche, del comunismo bianco, che da 74 anni prende in giro il Popolo italiano. La Carrà era un prodotto industriale, creato per addormentare il cervello degli italiani. Dispiace che una persona lasci questo mondo terreno, però ad esser sinceri, non è che fosse stata questa grande artista, pompata, e raccomandata dai soliti noti, però questa è l’Italia fatta da mafiosi e raccomandati dal Vaticano, o dal partito comunista. La meritocrazia in Italia è un’illusione. Quindi accettiamo l’ipocrisia nazionale anche per la scomparsa Carrà.

  2. concordo nella maniera più assoluta! sono oltre quattro decenni che enti perlopiù finanziari, hanno deciso di assumersi il comando del mondo ed il destino degli uomini. In questo progetto entrano molti “comunicatori” e moltissimo politici dediti a sviluppare il famoso “sterco del diavolo” di Paolo VI.

  3. Concordo
    Più che 74 anni che viene preso in giro il popolo ,direi che è dai tempi degli antichi romani che il popolo viene preso in giro.
    Per tenere a bada la plebe i romani davano al popolo il minimo indispensabile per sopravvivere e un po’ di passatempo con i spettacoli nei anfiteatri.
    Panem et circense.
    Beh oggi non è cambiato nulla

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: