Pordenone, 36enne muore nel sonno 2 giorni dopo la seconda dose: disposta l’autopsia

Condividi!

PORDENONE – “Non mi sento molto bene, oggi resto a casa dal lavoro. Vado a riposare”. Così aveva detto alla moglie Marco Piu, 36 anni, dipendente della cantina di Casarsa (Pordenone), ma da quel letto non si è più rialzato. Mercoledì sera, alle 20.30, è stata proprio la moglie, Sara De Franceschi, di ritorno dal lavoro, a trovarlo morto nel suo letto. Inutili sono stati i tentativi di rianimarlo: il personale del 118 è giunto in via dei Pinali a Cimpello, dove viveva da qualche tempo, ma ogni tentativo è risultato vano. Al medico legale non è rimasto altro che constatarne il decesso. Sarà ora l’autopsia a stabilirne le cause. Lo riporta oggi il Gazzettino.

Martedì il 36enne si era sottoposto alla seconda dose di vaccino anti Covid ma sembra che siano state già escluse correlazioni con la sua morte. Mercoledì aveva detto alla moglie di non sentirsi bene: pensava di essere stanco. Marco e Sara avevano pranzato insieme. «Ho mal di testa, mi sento stanco. Vado a distendermi a letto», le ha detto prima che lei tornasse a lavorare. Marco si è addormentato e non si è più svegliato. Probabilmente ad ucciderlo è stato un problema neurologico.

Condividi!

One thought on “Pordenone, 36enne muore nel sonno 2 giorni dopo la seconda dose: disposta l’autopsia

  1. ——->”… sembra che siano state già escluse correlazioni con la sua morte”. ——-> Temo che il piano sia avere tutti vaccinati, per evitare i c.d. “control group”.

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: