Petrocelli: “Non possiamo appoggiare un Governo di guerra. Il M5s ritiri tutti i suoi ministri”

Condividi su:

M5S fuori dal Governo interventista. Penso che per il M5S sia arrivato il momento di ritirare ministri e sottosegretari dal governo Draghi. Questo governo ha deciso di inviare armi all’Ucraina in guerra, rendendo di fatto l’Italia un paese co-belligerante”. A dirlo è il presidente M5S della commissione Esteri, Vito Petrocelli, detto “Petrov” tra gli intimi del Movimento per la sua passione per la Russia e l’inclinazione a sostenere le politiche di Putin. Lo ha scritto l’agenzia AGI.

Già noto per la scelta di disertare oggi la seduta della commissione sull’invio degli aiuti militari a Kiev, oggi Petrocelli nel giorno in cui il comico ucraino ha parlato alla Camera, ha deciso di tornare all’attacco: “Confermo la mia contrarietà alla fornitura di armi prevista dal decreto Ucraina, che ci catapulta nel conflitto in corso, complicando enormemente le possibilità di giungere ad un accordo di pace”, ha sostenuto il grillino.

Non c’era il forzista Matteo Dall’Osso. «Trovo imbarazzante che il Parlamento dia tutto questo spazio a questo presidente, a un ex comico che, con le sue parole, spinge verso la terza guerra mondiale. Io non vado in aula perché non voglio essere complice di questa situazione. Io ragiono con la mia testa». Analoghe le motivazioni addotte dai parlamentari della neonata componente di ManifestA, di cui è leader l’ex-sindaco di Napoli Luigi de Magistris.

«Zelensky non è un leader pacifico, usa metodi che non condividiamo, sia interni che esterni al suo Paese, invoca da settimane una no fly zone, asserendo che la terza guerra mondiale presto travolgerà tutti. Dichiarazioni pericolose». Di «spettacolo teatrale», parla invece l’ex grillino Pino Cabras, ora in Alternativa. «Noi siamo solidali con il popolo ucraino. Ma i Parlamenti sono luoghi in cui si deve discutere e fare domande. Non staremo lì a fare arredo di uno spettacolo teatrale a farci dettare l’agenda da Zelensky».

Condividi su:

13 thoughts on “Petrocelli: “Non possiamo appoggiare un Governo di guerra. Il M5s ritiri tutti i suoi ministri”

  1. Bravo Petrocelli!
    Oltre a ritirare i ministri bisognerebbe fare ritornare allo stadio il bibitaro , che si e bevuto il cervello parlando a Putin come un suo pari e addirittura minacciandolo!
    Cosa fa alle persone il potere, da alla testa !
    Si alla testa di cazzo !!!
    Adesso industriali andate dall altro furbo a piangere , quando perderete tutte le commesse e continuerete a pagare il gas al prezzo dell oro !
    Gas russo comprato da trader internazionali e venduto 10 volte il suo prezzo !
    Ma noi siamo furbi e con Draghi ancora piu furbi , cosi furbi che siamo stupidi !

  2. Se i 5 stelle ritirano i loro ministri forse c è speranza per loro e per noi. Un. Ovazione a Zelensky ma fa pensare di essere sempre a teatro: si applaude anche ai funerali…..una,farsa perenne e oramai ributtante

    1. Si sveglia adesso questo qua? Spera forse in uno sconto di pena?
      Appeso per una gamba sola? Sepoffa.

  3. I 5 stelle hanno rinnegato il programma politico per cui erano stati votati:si ai vaccini, si alla guerra ecc. Sono come il PD..
    Bravo Petrocelli, spero lo seguano anche altri.

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.