Orfini (Pd): “Noi abbiamo diritto di entrare in Aula senza Green Pass, lo dice la Costituzione”

Condividi!

Ecco cosa ha risposto il deputato Matteo Orfini (Pd) a quanti gli chiedevano come mai in Parlamento si accedesse senza lasciapassare: “Vedo che alcuni chiedono perché non è previsto il green pass per entrare in aula. È uno dei tanti argomenti a cui ovviamente si è risposto da settimane. Ma che per propaganda continua ad essere ripetuto. È molto semplice: perché il diritto di un parlamentare di entrare in aula è sancito dalla costituzione e non può essere limitato. Quindi non possiamo renderlo obbligatorio per l’aula“.

Il diritto al lavoro oppure quello allo studio, senza l’obbligo di esibire il Green Pass per attestare il completamento del ciclo vaccinale, invece non sono sanciti in Italia dalla Carta Costituzionale? Attendiamo una risposta…

Risposta arrivata dall’onorevole Matteo Orfini:

Breve storia triste:

  1. Faccio un post per difendere il green pass.
  2. Arrivano a raffica commenti di persone di centrodestra a chiedermi perché non vale per l’aula della Camera.
  3. Rispondo citando le parole di un parlamentare di centrodestra che a nome del collegio dei questori ha spiegato che non si può limitare il diritto costituzionale del parlamentare nell’esercizio delle sue funzioni.
  4. Spiego, a scanso di equivoci, che io ero tra quanti avevano proposto il green pass anche per l’aula.
  5. Si scatenano i profili social di centrodestra per dire che sono brutto e cattivo e che i diritti costituzionali valgono solo per me.
  6. Ci vuole tanta pazienza.
Condividi!

14 thoughts on “Orfini (Pd): “Noi abbiamo diritto di entrare in Aula senza Green Pass, lo dice la Costituzione”

  1. hahahahahahahahahahahahahahahhahhahahahahahhahahahhahahahahhahahahahhahahahahahahahhahahahahhahahahahhahahahahahahahha per voi non c’è l’emergenza ? Ma davvero pensate che tutti se le bevano così ??? Arriverà anche il vostro turno … di mettersi la mascherina … la maschera è un pezzo che l’avete levata !!!!

  2. IL GREEN-PASS NON ESCLUDE CHE CHI LO ESIBISCE SIA CONTAGIATO.

    —–> “Arrivano i grandi del G20 e il green pass non basta più: tampone obbligatorio per gli accrediti. Per questo motivo, per essere accreditati (per esempio tra gli organi di stampa), è richiesto l’obbligo di un tampone antigenico con esito negativo svoltosi nelle ultime 48 ore”. LA NORMATIVA ITALIANA SUL GREEN-PASS È DUNQUE SUPERATA.

    https://www.genova24.it/2021/08/covid-arrivano-i-grandi-del-g20-e-il-green-pass-non-basta-piu-tampone-obbligatorio-per-gli-accrediti-273174/

    1. Quindi, non basta il Green-pass, serve anche un tampone. Questo dimostra che, SE serve un tampone tanto ai vaccinati quanto ai non vaccinati, ALLORA il green-pass è proprio inutile.

  3. Ormai i politici italiani non hanno più il minimo ritegno. Questa giustificazione è a dir poco vergognosa e soprattutto irrispettosa verso tutti quei lavoratori che il green pass sono obbligati ad esibirlo se vogliono sopravvivere. VERGOGNA!!!!

  4. Invece il diritto al lavoro non è garantito dalla Costituzione? Eppure se io sono medico e non ho il gp non posso lavorare. E lo volete estendere anche alle altre categorie. Quindi? Lo stato dinemergenza vale solo per gli altri?

  5. Cara Liliana, tanti cari auguri per il Tuo compleanno (10 settembre).

    Sapevamo che non avresti tardato a parlare, e il Tuo silenzio ha fatto proprio molto rumore. Non abbiamo sentito da Te una sola parola sui “vaccini”, a differenza di tante cariche politiche e spirituali.

    Ti sei limitata a dire che: «I RAGAZZI DI OGGI, CHE VANNO INCONTRO A UN ANNO INCERTO, NON DEVONO LAMENTARSI DELLA SCUOLA A DISTANZA .. MA DEVONO AIUTARE INSEGNANTI E GENITORI CON LA LORO GRANDISSIMA FORZA» min. (8:24)

    GRAZIE, CHE I NOSTRI RAGAZZI SAPPIANO FARE TESORO DELLE TUE PAROLE.

    https://video.corriere.it/liliana-segre-forza-dell-impossibile/0a57c8ba-1211-11ec-95c2-659c7776a796

    1. min. (8:24) «Io penso che i ragazzi di oggi, che vanno incontro a un ANNO INCERTO, COME QUESTO CHE SI STA PREPARANDO … (in questi giorni ricominciano la scuola), DEBBANO AVERE ASSOLUTAMENTE UNA COSCIENZA che la loro forza (dovuta alla loro età, dovuta al fatto che hanno tutta la vita davanti), li deve fare non ripiegare su se stessi, LAMENTANDOSI DELLA SCUOLA A DISTANZA, di questo e quello, ——> ma DIVENTARE PADRONI DI LORO STESSI, AIUTARE I LORO GENITORI (che non sono sempre quei genitori fortissimi, pronti ad accontentarli, ma possono essere genitori spaventati dai problemi della vita), ——–> Per cui un abbraccio in più, un bacio di un figlio che dice: “sono qui, se hai bisogno chiamami che cerco di fare tutto quello che posso per te”. ———> E questo atteggiamento lo dovrebbero avere ANCHE VERSO I PROFESSORI. Perché i professori, che non sono mai abbastanza valutati nel mondo della scuola, non devono trovare nei ragazzi dei … non dico dei nemici, ma dei paurosi del cattivo voto, o dei furbi che cercano di non imparare, perché sono loro che ci perderanno. .. a non aver studiato. ——-> E CHE QUINDI AIUTINO GENITORI E INSEGNANTI CON LA LORO GRANDISSIMA FORZA»

      https://video.corriere.it/liliana-segre-forza-dell-impossibile/0a57c8ba-1211-11ec-95c2-659c7776a796

    2. CAPITO, RAGAZZI?

      Liliana Segre, senatrice a vita, e superstite dell’Olocausto della Seconda Guerra Mondiale, non vi dice che il vaccino è “un atto d’amore”, oppure che è “un dovere civico”. Liliana

      (1) vi AVVERTE che andiamo incontro a un ANNO INCERTO, come questo che si sta preparando;
      (2) vi INVITA a diventare PADRONI di voi stessi;
      (3) vi INVITA a NON lamentarvi della scuola a distanza, dato che senza green-pass per alcuni la scuola potrà essere resa fruibile solo così.
      (4) vi INVITA ad aiutare i vostri GENITORI, che non sempre sono quei genitori fortissimi … ma possono essere genitori spaventati dai problemi della vita;
      (5) vi INVITA ad aiutare anche i vostri PROFESSORI, perché anche loro hanno bisogno della vostra forza.

      https://video.corriere.it/liliana-segre-forza-dell-impossibile/0a57c8ba-1211-11ec-95c2-659c7776a796

      1. Sappiate, ragazzi (voi che certamente avete visto un vostro coetaneo mostrare tutto fiero il tatuaggio del proprio green-pass sul braccio) che sui libri di Storia leggiamo che anche i deportati nei campi di concentramento venivano analogamente marchiati dalle SS. Pare impossibile, pare sia tutto inventato.

        MA ABBIAMO LA TESTIMONIANZA DI QUELLA MARCATURA, DI QUELLA SCHEDATURA… (no, non si chiamava ancora green-pass).

        «Alla selezione, Liliana ricevette il numero di matricola 75190, che le venne tatuato sull’avambraccio.

        Fu messa per circa un anno ai lavori forzati presso la fabbrica di munizioni Union, che apparteneva alla Siemens. Durante la sua prigionia subì altre tre selezioni, in una delle quali perse un’amica che aveva incontrato nel campo. Alla fine di gennaio del 1945, dopo l’evacuazione del campo, affrontò la marcia della morte verso la Germania.

        Venne liberata il 1º maggio 1945 dal campo di Malchow, un sottocampo del campo di concentramento di Ravensbrück che fu liberato dall’Armata Rossa. Dei 776 bambini italiani di età inferiore ai 14 anni che furono deportati ad Auschwitz, Liliana fu tra i 25 sopravvissuti.»

        https://www.ilgiorno.it/cronaca/liliana-segre-testimone-shoas-compleanno-1.6786204

      2. In realta’, non dice proprio niente. Cosi’, parole generiche che, molto accuratamente, possono significare qualunque cosa o niente. Ed e’ proprio questo che e’ vergognoso, quando siamo di fronte a una campagna ricattatoria inudita, quando discriminano i cittadini e quando li vogliono far vaccinare per forza. Il dr. Mengele a questa bella signora non ricorda niente?

      3. @Dino

        Dalle parole di Liliana Segre io capisco che:

        (1) sta avvisando i ragazzi italiani che stanno andando incontro a un anno incerto (altrimenti avrebbe detto loro che grazie alle vaccinazioni di massa torneremo alla nostra vita di prima, no problem … );
        (2) che devono diventare padroni di se stessi (perché, ad esempio, potrebbero perdere i propri genitori e ritrovarsi improvvisamente da soli ad affrontare la vita quotidiana);
        (3) che devono aiutare i propri genitori (perché potrebbero i genitori stessi ad essere spaventati dai problemi che la vira riserva … quanti problemi stanno causando i sieri genici lo vediamo tutti i giorni, almeno noi in questo spazio, o no?);
        (4) che devono abbracciare i propri genitori (perché potrebbero non essere in grado di farlo più a breve);
        (5) non devono lamentarsi della didattica a distanza (potrebbero essere costretti a stare casa, perché sprovvisti di green pass, o di un costoso tampone quasi giornaliero):
        (6) che devono aiutare anche gli insegnanti (e quanti insegnanti stanno morendo lo vediamo) perché anche gli insegnanti sono spaventati: si sono resi conto che i vaccini genici uccidono (e alcuni di loro preferiscono non cedere al ricatto vaccinale) e rischiano di rimanere da soli. Hanno bisogno del sostegno dei propri alunni;
        (7) che è richiesto da parte loro di essere forti, come lei stessa è stata forte durante la detenzione.

        https://video.corriere.it/liliana-segre-forza-dell-impossibile/0a57c8ba-1211-11ec-95c2-659c7776a796

      4. Adesso inizia il momento in cui le persone devono capire il messaggio implicito che viene convogliato. Non si può più parlare diretti, ma chi ha orecchie per intendere intende.

        – Liliana Segre non ha detto “mi raccomando ragazzi, fate il vaccino”.
        – Liliana Segre ha detto : “attenzione ragazzi, dovete crescere alla svelta…”

  6. Beh, allora la Costituzione dice anche che non si possono costringere le persone a trattamenti sanitari e che non si possono discriminare i cittadini. Ma a questi ipocriti dei M5S la Costituzione va bene solo quando fa comodo a loro. Vergognosi. Spero che alle votazioni sprofondino.

  7. Ma tranquilli che gli italiani vaccinati saranno tutti d’accordo col pidiota, d’altronde la storia insegna, a loro piace essere bastonati e schiavizzati, pur de magna’.

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: