Ordinanza CGA: obbligo vaccinale verso l’incostituzionalità (FOTO)

Condividi su:

Da Il Giornale d’Italia – Si va verso l’incostituzionalità dei vaccini obbligatori per contrasto con gli articoli 3, 4, 21, 32, 33, 34 e 97 della stessa. Nell’ordinanza del Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Sicilia si sottolinea l’alto numero di eventi avversi e fatali superiori ai precedenti vaccini. Ma anche la mancanza di approfondimenti medici pre vaccinali e l’irrazionale obbligatorietà del consenso informato. Emessa il 22 marzo 2022, l’ordinanza sostiene sussista:

  • contrasto con gli artt. 3, 4, 32, 33, 34, 97 della Costituzione, sotto il profilo che il numero di eventi avversi, la inadeguatezza della farmacovigilanza passiva e attiva, il mancato coinvolgimento dei medici di famiglia nel triage pre-vaccinale e comunque la mancanza nella fase di triage di approfonditi accertamenti e persino di test di positività/negatività al Covid non consentono di ritenere soddisfatta, allo stadio attuale di sviluppo dei vaccini antiCovid e delle evidenze scientifiche, la condizione, posta dalla Corte costituzionale, di legittimità di un vaccino obbligatorio solo se, tra l’altro, si prevede che esso non incida negativamente sullo stato di salute di colui che è obbligato, salvo che per quelle sole conseguenze “che appaiano normali e, pertanto, tollerabili”;
  • contrasto con gli artt. 3 e 21 della Costituzione dell’art.1 della l. 217/2019, nella parte in cui non prevede l’espressa esclusione dalla sottoscrizione del consenso informato delle ipotesi di trattamenti sanitari obbligatori; dell’art. 4, del d.l. n. 44/2021, nella parte in cui non esclude l’onere di sottoscrizione del  consenso informato nel caso di vaccinazione obbligatoria.

In particolare si segnala come il massimo organo giurisdizionale amministrativo ha accertato che:

  • L’attuale previsione dell’obbligo vaccinale anti SARS-COV-2 presenta profili di criticità, con riferimento alla percentuale di eventi avversi e fatali (ben superiore alla media degli altri vaccini, obbligatori e non), che peraltro allo stato non sembrano oggetto di prevenzione (attraverso un sistematico coinvolgimento dei medici di base e l’esecuzione di testdiagnostici pre-vaccinali); il sistema di raccolta del consenso informato risulta irrazionale laddove richieda una manifestazione di volontà per la quale non vi è spazio in capo a chi subisce la compressione del diritto all’autodeterminazione sanitaria. Indubbiamente, la maggior parte degli effetti collaterali, elencati nel data base, evidenziano sintomi modesti e transitori; gli eventi avversi più seri comprendono disordini e patologie a carico dei sistemi circolatorio (tra cui trombosi, ischemie, trombocitopenie immuni), linfatico, cardiovascolare (incluse miocarditi), endocrino, del sistema immunitario, dei tessuti connettivo e muscolo-scheletrico, del sistema nervoso, renale, respiratorio; neoplasie. Nel novero di tale elencazione rientrano, evidentemente, anche patologie gravi, tali da compromettere, in alcuni casi irreversibilmente, lo stato di salute del soggetto vaccinato, cagionandone l’invalidità o, nei casi più sfortunati, il decesso.
  • L’esame dei dati pubblicati nel sito EudraVigilance disaggregati per Stato segnalatore evidenzia una certa omogeneità nella tipologia di eventi avversi segnalati dai vari Paesi (in disparte il maggiore o minore afflusso di dati, evidenziato dai Consulenti della parte appellante), il che lascia poco spazio all’opzione caso fortuito/reazione imprevedibile. In tale condizione, vi è da dubitarsi della coerenza dell’attuale piano vaccinale obbligatorio con i principi affermati dalla Corte, in riferimento, va sottolineato, a situazioni per così dire ordinarie, non ravvisandosi precedenti riferiti a situazioni emergenziali ingenerate da una grave pandemia.
  • Sul sistema della farmaco vigilanza: né possono riporsi eccessive aspettative sulle segnalazioni spontanee dei cittadini, vuoi per l’eterogeneità della popolazione (non tutti, per variegate età e condizioni socio economiche, hanno la dimestichezza con gli strumenti informatici e le procedure burocratiche necessarie per compilare ed inoltrare un modulo di segnalazione eventi avversi completo di tutti i dati richiesti), vuoi perché il cittadino colpito da una patologia grave (per non parlare di quello deceduto) verosimilmente avrà altre preoccupazioni che non inoltrare la segnalazione. Oltretutto, come confermato dall’Organo incaricato dell’istruttoria, non vengono richiesti esami di laboratorio, quali accertamenti diagnostici da eseguire prima della vaccinazione, o test, inclusi quelli di carattere genetico, nonostante le risultanze confluite nel rapporto annuale sui vaccini nonché emergenti dal data base europeo abbiano evidenziato alcuni effetti collaterali gravi come miocarditi e pericarditi (correlabili prevalentemente ai vaccini a base di RNA) ed eventi tromboembolici (più frequenti nei vaccini con vettore virale), che potrebbero essere scongiurati esentando dalla vaccinazione, o sottoponendo preventivamente ad idonea terapia farmacologica, soggetti che evidenzino specifici profili di rischio (come trombofilie ereditarie).
  • Appare particolarmente critica la circostanza che non è previsto, prima della somministrazione del vaccino, nemmeno un tampone Covid, che potrebbe evidenziare una condizione di infezione in atto, che evidentemente sconsiglia la somministrazione del vaccino, avuto riguardo al rischio di reazione anomala del sistema immunitario, su cui hanno ampiamente argomentato gli studiosi incaricati delle consulenze di parte dell’appellante.
Condividi su:

5 thoughts on “Ordinanza CGA: obbligo vaccinale verso l’incostituzionalità (FOTO)

    1. I morti erano “necessari”, li hanno voluti a tutti i costi per spaventare la gente e costringerla ad accettare limitazioni altrimenti inaccettabili e vaccini che si sono rivelati inadeguati e pericolosi. E forse servivano anche per fari ingoiare piu’ facilmente la guerra che, ne sono convinto, e’ stata volutamente provocata.

  1. E insomma, va’ , fra altri 2 anni, AMMESSO CHE CI SIAMO ANCORA..( noi o il pianeta terra..), forse forse ne usciamo da questo incubo !!!! Come stiamo sopportando questa vita di soprusi criminali, AVENDO COSCIENZA di sottostare a delle “ atrocità contro l’essere umano”, unitamente ai nostri bambini, fratelli, … io non LO SO !!!COME QUESTO INCUBO CE LO STIAMO ASSUPPANDO DA ANNI, senza aver fatto niente di male per MERITARLO.. NON LO CAPIRÒ M A I !!!!!

    1. Cara Gianna, è come quando noi mettiamo la canfora negli armadi per sterminare le tarme. Solo che le tarme non hanno avvocati, tribunali e il Codice di Norimberga.

      Siamo TROPPI sul pianeta, le risorse sono sempre più scarse e la bambina svedese si è lamentata con i potenti della terra. Quindi, ha organizzato proteste mondiali. Però, a suo avviso, i potenti della terra non hanno fatto nulla, solo un blah, blah, blah…

      Ecco quindi la risposta: uno sterminio di massa silenzioso. Speriamo che Greta Thumberg sia contenta adesso. Da molto tempo non la si sente più frignare… segno che le va bene così.

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.