Operatori sanitari positivi nonostante doppia dose di vaccino: indagine a Foggia

Condividi!

“Alla luce della nuova pesante impennata di contagi dovuta alla terza ondata di Covid-19 nella provincia di Foggia ed in considerazione del riscontro di positivi tra coloro i quali avevano completato il ciclo vaccinale, per cui si presumeva il raggiungimento della piena copertura immunologica, chiediamo di avviare urgentemente un’indagine siero-epidemiologica per il dosaggio delle immunoglobuline (IgM e IgG) anti Sars-CoV-2, su tutto il personale, sia interno, sia esterno, che opera nella nella Asl di Foggia e del Policlinico Riuniti”. Lo dichiara con una nota il sindacato Fsi-Usae. Lo riporta Foggia Today.

“L’obiettivo da raggiungere mediante la rilevazione del titolo anticorpale anti-Sars-CoV-2 – spiegano -, è valutare la circolazione del virus nelle strutture sanitarie Covid e non Covid, l’efficacia di tutte le misure di prevenzione messe in campo e permettere di capire se il risultato atteso è stato raggiunto o meno, ovvero se il vaccino sollecita la produzione di anticorpi e se offre una copertura efficace”, denuncia il sindacato.

Condividi!

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.