Obbligo vaccinale per operatori sanitari, prof. De Monte: “Legge violenta che discrimina e ricatta”

Condividi!

Amato De Monte, Direttore del Dipartimento di Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale di Udine: “Denuncio l’arroganza e la violenza di una legge discriminatoria e ricattatoria per tutti gli operatori sanitari, ai quali impone un trattamento medico obbligatorio, senza che vi sia alcun supporto scientifico che ne giustifichi il beneficio”. Lo riporta oggi ANSA.

Secondo De Monte la legge “è incurante della Costituzione, più volte acclamata come la più bella del mondo; della Legge sul Consenso Informato e di disposizioni anticipate di trattamento, autodeterminazione e libertà di cura; della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea; della Risoluzione 2361 (2021) votata dal Consiglio d’Europa a garanzia che: “i cittadini siano informati che la vaccinazione NON è obbligatoria e che nessuno deve farsi vaccinare se non lo desidera”, e “garantire che nessuno sarà discriminato per non essere stato vaccinato”.

Condividi!

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.