Obbligo vaccinale, Draghi e Speranza denunciati al Tribunale di Roma: “Violata la Costituzione”

Condividi su:

Oggi il Partito Libertario ha depositato l’atto di citazione con ricorso d’urgenza al Tribunale di Roma contro il Presidente del Consiglio, il Consiglio dei Ministri e il Ministro della Salute per far dichiarare l’illiceità costituzionale e sotto il profilo del diritto europeo della dichiarazione dello stato di emergenza, del green pass rafforzato e dell’obbligo vaccinale. Hanno proposto l’azione numerosi cittadini, tra i quali tutti i dirigenti del Partito Libertario, nonché l’Associazione di tutela dei diritti del cittadino “Diritto e Mercato”, presieduta dall’Avv. Fabio Massimo Nicosia, presidente altresì del Partito Libertario. L’atto è stato predisposto dall’Avv. Nicosia insieme ai difensori Avv.ti Francesco Giunta e Salvatore Ceraulo, a loro volta dirigenti del Partito Libertario. Lo ha riportato il sito web Oltre.tv.

Con questo atto, si praticano le strade giuridiche più aggiornate e innovative in materia di illiceità costituzionale, secondo un orientamento giurisprudenziale recentissimamente ribadito dalla Corte di Cassazione a Sezioni Unite, orientamento che consente, insieme all’invocazione della violazione del diritto eurounitario, di evitare la strettoia dell’elevazione della questione di costituzionalità, al fine di far dichiarare immediatamente l’illegalità degli atti impugnati.

Si è denunciata in particolare la persecuzione del gruppo sociale “non vaccinati”, in atto da mesi da parte dei vertici istituzionali e dei mass-media filo-governativi, ai sensi dell’art. 7 dello Statuto della Corte Penale Internazionale, il quale include tali persecuzioni tra i “crimini contro l’umanità”. Si è sottolineata l’illegalità dell’attuale dichiarazione di stato di emergenza per scadenza dei termini ultimi, stante anche la dichiarata rivendicazione del governo del potere, del tutto abusivo, di proclamare stati di emergenza a piacere, al di fuori di alcuna previsione costituzionale o normativa.

Condividi su:

7 thoughts on “Obbligo vaccinale, Draghi e Speranza denunciati al Tribunale di Roma: “Violata la Costituzione”

  1. I motivi ci sono tutti e sono assolutamente ineccepibili. Ora: vediamo se finalmente il giudice assegnato si siederà a leggere bene l’atto di citazione e ricorso in urgenza e ne riconoscerà l’evidente fondatezza.

  2. Non fa una piega, in due anni sono stati commessi una marea di reati dal governo da far impallidire anche i fuorilegge più incalliti, ma la resa dei conti presto o tardi arriverà anche per loro.

  3. Grande azione dell’avv. Nicosia! Il contenuto è del tutto simile alla denuncia a carico di Draghi, Speranza, ecc. che io ho inviato alla Procura, per 7 gravi reati (attentato alla Costituzione, estorsione, epidemia dolosa, attentato ai diritti politici dei cittadini, usurpazione di potere politico, sequestro di persona, crimini contro l’umanità) da loro commessi, in particolare con il DL 172/2021 e seg. Fatelo anche voi, più denunce arrivano, prima la magistratura si muoverà. Inoltre, invito tutti a mandare ai parlamentari di M5S e Lega (i meno entusiasti degli ultimi provvedimenti di Draghi e che fanno quasi il 50% dei parlamentari) delle e-mail chiedendo loro di NON VOTARE DRAGHI PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA a fine gennaio. Non potrà mai essere “il mio presidente” un individuo che ha costretto COL RICATTO PIU’ INFAME milioni di italiani a farsi iniettare farmaci di scarsa utilità e pericolosi, arrivando addirittura a dire loro: “o ti fai iniettare quei farmaci, oppure non potrai più lavorare e morirai di fame”.

    1. Ai 5 stalle interessa solo la poltrona, quindi vanno dove soffia il vento.
      Lega ha tradito alla grande, e se non sbaglio appoggiano Draghi…..
      Nessuno si salva li dentro, tranne la Cunial e un paio d’ altri.

  4. Spero e ringrazio questi avvocati di salvare la nostra vita siamo poveri cittadini sono disperata aiutateci venite siamo in Basilicata a Bernalda provincia di Matera

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.