“Non donate i vaccini all’Africa, vaccinate gli italiani”. Malore mortale anche per Maria Gabriella

Condividi su:

AVELLINO — “Non donate i vaccini all’Africa, vaccinate gli italiani”. Morta improvvisamente a causa di un malore fatale Gabriella Cogliani a soli 59 anni. Stroncata da un infarto, muore a 59 anni. Irpinia in lutto per la morte di Maria Gabriella Cogliani, presidente dei commercialisti irpini.

Ieri si trovava in vacanza da parenti, nella città di Tivoli, in provincia di Roma, quando il malore l’ha colta all’improvviso, non dandole scampo. Inutili i soccorsi per la dottoressa Cogliani. Già svolti i funerali, che si sono tenuti ieri alle 15 a Castel Baronia. Nessuna correlazione. Lo scrive Otto Pagine.

Condividi su:

12 thoughts on ““Non donate i vaccini all’Africa, vaccinate gli italiani”. Malore mortale anche per Maria Gabriella

    1. GINO, infatti loro i “vaccini” li hanno buttati … da tempo conoscono la strage che Bill Gates ha fatto dalle loro parti.

      Solo la Senatrice Liliana Segre non vede il democidio, ma se ne accorgerà presto… oh, come se ne accorgerà.

  1. Un’altra già sotterrata in fretta e i parenti dementi ciao ciao.
    Questa gente non se la merita nemmeno un’autopsia perché hanno firmato un consenso che per disinformato che fosse hanno comunque avallato allegramente. E chi ha provato a informarli prima del buco è stato bellamente deriso e isolato.
    Quando crepano a milioni capiscono in ogni caso l’antifona, chi resta avrà ben altro da fare, dovremo ricostruire un paese totalmente allo sfascio per colpa di sti coglioni schiavi.

    1. Sì, questo è vero, però guarda il bicchiere mezzo pieno:

      Senza questi coglioni l’Italia diventerà un Paese più pulito, e sarà più facile amministrarlo. Almeno credo

      1. Certo, se riusciremo nel frattempo a contenere o bloccare del tutto l’orda di africani e clandestini di ogni sorta che vorranno approfittare della situazione.
        Ci vorrà un governo sovranista duro e puro che abbia i coglioni d’acciaio e che quindi non prenda più ordini da nessuno.
        Prima dobbiamo liberarci dei pagliacci in Parlamento però.

  2. Questa individua avrebbe dovuto star serena, all’Africa non avevano nessuna intenzione di “donarli”; è qui che volevano e vogliono continuare ad utilizzarli.

    1. Meglio perdere lei, anziché la mia gattina. Io non so più cosa fare, ha anche l’influenza… Comunque, i covidioti sono proprio degli egoisti che vorrebbero la merda liquida tutta per sé. Tanto gli africani non le vogliono, mica sono SCEMI e COVIDIOTI, calcolano il rapporto rischi-benefici, loro. Le dosi di un cacchino sperimentale le vogliono tutte i covidioti, altro che la manfrina del: “mi cacchino per il mio bene e quello degli altri”… Come no… Balle. Ti fai cacchinare pure con più dosi per una cacata perché sei un paranoico… Io qui ogni tanto guardo i necrologi e muore sempre qualche covidiota… Ma guarda un po’ che casualità… Per non parlare del viavai tra ambulanze e ospedale… Ovviamente per i covidioti i cacchini non c’entrano mai NULLA, come se non avessero possibili effetti collaterali e non fossero sperimentali… E ancora ci sono depensanti che dicono che i vaccini covid-19 sono sicuri ed efficaci. Ma quando si sveglieranno? Mai? Boh.

  3. Bene. Altra ottima notizia. Questa gente non meritava di fare parte degli italiani sani di corpo e di mente

  4. e… la depopolazione per far posto agli africani, senza che nessuna muova un dito e silenziosamente, inesorabile, passo dopo passo, senza fretta, va avanti. R.I.P.

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.