Neurologo confessa: “Se riporto che gli è venuta la trombosi dopo il vaccino, qua succede un casino”

Condividi su:

“Non sono no vax, mi sono vaccinato con convinzione: prima e seconda dose con Moderna, il 15 giugno e il 21 luglio 2021. Ma dopo quello che mi è successo, credo che ci sia la volontà di nascondere tutto ciò che riguarda le reazioni avverse e che la campagna vaccinale sia stata portata avanti in modo autoritario”. Così il Fatto Quotidiano.

Lo chiameremo Davide: ci prega di non fare il suo nome perché in 7 mesi di “sintomatologia gravemente invalidante e probabili episodi di trombosi” (come ha certificato il suo medico di famiglia, chirurgo cardiovascolare) è stato costretto anche a registrare il colloquio con un neurologo che gli ha prima accertato una trombosi del microcircolo del sistema nervoso, senza però dichiararlo nel referto, preferendo la diagnosi di “attivazione di processo infiammatorio cronico ancora presente a distanza di quattro mesi dalla somministrazione del vaccino”. Altrimentiqua vengono fuori dei casini”.

Davide è di Milano, ha 42 anni. Per cinque mesi ha avuto il braccio destro bloccato e insensibile. “Ma non era il solo problema – dice —. Facevo fatica a muovermi, a sollevare pesi anche leggerissimi. Non riuscivo nemmeno più a prendere il tram”. Tutto è iniziato con uno strano dolore alla mano destra dopo la prima dose, che aumenta dopo la seconda, gli paralizza il braccio e si propaga al resto del corpo. “I medici dell’hub a cui mi sono rivolto mi hanno detto di non saperne niente – ricorda —. Il mio medico mi prescrive una cura, inefficace, ed esami fissati solo a distanza di tre o quattro mesi. Intanto, ero diventato invalido”.

Il 15 marzo la commissione medica gli nega l’esenzione definitiva, ma solo oralmente, senza mettere nulla per iscritto. “Alla fine – conclude –, l’esenzione l’ho ottenuta dal mio medico di famiglia. Solo che tra le causali è sparito qualsiasi riferimento alle reazioni avverse. È rimasta solo quella relativa all’ipersensibilità al principio attivo, che è qualcosa di molto diverso”.

Condividi su:

8 thoughts on “Neurologo confessa: “Se riporto che gli è venuta la trombosi dopo il vaccino, qua succede un casino”

  1. Pacchi di medici correi e complici della grande truffa, per paura, vigliaccheria, interessi vari. Tutti da eliminare, hanno tradito il giuramento e danneggiato volontariamente i pazienti.
    Ah, non si può dire? E perché, se è la verità?

  2. La cadrega e’ sempre la prima, davanti alla salute e alla vita dei pazienti. Che razza di medici tradiscono con tanta leggerezza il giuramento di Ippocrate?

  3. Tanto i casini arrivano lo stesso … basta saper aspettare. Ed ecco a voi, sbattuto sui giornali il fatto. Presto sapremo anche il nome di quel gentiluomo di un neurologo.

  4. Depositata alla CPI denuncia italiana per violazione Codice di Norimberga 108 pagine di ricostruzione storica degli abusi subiti dagli italiani dal 2020 ad oggi. 2mila adesioni di privati cittadini. 5 cartoni per 110 kg di documenti probatori. 5 mesi di studio, raccolta dati e redazione. 5-mila ore di lavoro donate alla causa. Oltre 20 professionisti volontari. https://www.imolaoggi.it/2022/05/06/depositata-alla-cpi-denuncia-italiana-per-violazione-codice-di-norimberga/

  5. Dati shock di Pfizer su gravidanza e allattamento, continua il rilascio dei documenti I documenti Pfizer oltre a rivelare dati esplosivi di magnitudo 10 per quanto riguarda problemi neurologici, infarti, paralisi, morte, ictus, embolie e molto altro, riescono finalmente a fare un po’ di chiarezza anche su quello che é avvenuto nel mondo delle donne in attesa. Se prendiamo in considerazione la sezione riguardante la gravidanza e l’allattamento infatti, vediamo segnalazioni di aborti spontanei, morte in utero, morte perinatale, e nascite premature. https://visionetv.it/dati-shock-di-pfizer-su-gravidanza-e-allattamento-continua-il-rilascio-dei-documenti/

  6. Questa pandemia la medicina sè portata via.
    Dalla EBM ossia medicina basata sulle evidenze, alla medicina basata sulle intelligenze (artificiali).
    Il COVID ha reso i medici degli operai e gli uomini degli oggetti.

  7. Io sono stufa di leggere la suddetta frase in ogni dove: “non sono un no vacs ma”. Che poi non significa proprio un cazz. Non sono un NoVaXe11!! Avete rotto i cogli0ni, in un modo a dir poco incommensurabile, indescrivibile. Non sarete dei novacse ma in compenso siete dei nobrain e dei covidiot1 indeFESSI. Ma porca z0zza, si vede che non avete dei problemi veri nella vita…

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.