No Green Pass in Aula. Rizzo contro Orfini (Pd): “Il tuo partito odia il popolo”

Condividi!

Green Pass per i comuni cittadini, non per i parlamentari della Repubblica italiana. Per andare a scuola è obbligatorio aver completato il ciclo vaccinale o spendere i soldi per i tamponi. Per i politici invece nessun obbligo di esibire il Green Pass per aver accesso al Parlamento. È un po’ come se il COVID-19 in Italia circolasse solo tra i comuni cittadini.

Marco Rizzo, segretario del Partito Comunista, a questo proposito prende di mira Matteo Orfini, il quale ieri ha tenuto a precisare che il collegio dei questori ha deciso così per i parlamentari. Nessuno può limitare l’esercizio delle funzioni di un deputato o di un senatore perché così prevede la Costituzione. Come se il diritto al lavoro o il diritto allo studio non siano previsti in egual misura da una Carta Costituzionale che ormai vale solo per alcuni. L’attacco di Marco Rizzo: “#GreenPass. Così quelli in Parlamento sono più “uguali” degli altri. La Costituzione salvaguarda le guarentigie degli eletti ma non anche i diritti dei lavoratori? Questi del PD e chi sostiene il governo Draghi odiano il popolo”.

Condividi!

6 thoughts on “No Green Pass in Aula. Rizzo contro Orfini (Pd): “Il tuo partito odia il popolo”

  1. Anche il diritto al lavoro è sancito dall’Art. 1 della Costituzione ma volete limitarlo imponendo quel lasciapassare del piffero per accedere ai luoghi di lavoro. Ipocrita. O è incostituzionale per tutti o voi ve lo fate per primi.

    1. Tanto a loro è riservato il vaccino “fake” … ma non è detto che stessa sorte sia riservata ai loro familiari, ai loro amici …

  2. Orfini, evidentemente, non si rende neanche conto della bestialita’ che dice. E gente di questo calibro (infimo) ha in mano le sorti del popolo e del Paese….

    1. Avete letto di quello che ha organizzato ieri il Senato? ——–> Burioni è andato su tutte le furie, e ho fatto sapere via Twitter al mondo intero. LE FARLOCCHE “CURE” ANTI COVID SBARCANO AL SENATO —-> https://twitter.com/robertoburioni

      «Mentre ci troviamo un grave pericolo sanitario, sociale ed economico il Senato ospita un convegno dove vengono raccontate pericolosissme bugie e promosso l’utilizzo di farmaci che non solo sono inefficaci, ma anche molto dannosi. Qualcuno deve risponderne».

      «Le farlocche “cure” anti Covid sbarcano al Senato, indette da Salvini e benedette da Casellati
      Al convegno sulle “cure domiciliari” si spaccia l’uso di idrossiclorichina e ivemectina per guarire “al 100 per cento” dalla malattia. Il tutto sotto la benedizione del presidente Casellati …»

      13 set Roberto Burioni ha ritwittato giancarlo loquenzi@gloquenzi
      «Come, come è possibile che @SenatoStampa con tanto di messaggio beneaugurante della @Pres_Casellati
      ospiti un convegno magico sulle cure anti-covid pieno di miracoli, incantesimi e sortilegi?»

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: