Napoli, partenza flop per la terza dose: si presentano solo in 36

Condividi su:

Vaccini, partenza flop per la terza dose: a Napoli si presentano soltanto in 36, scrive La Repubblica. Restano vuoti i centri vaccinali con migliaia di fiale a disposizione inutilizzate. Il direttore dell’Asl 1, Verdoliva ammette: “Già dopo il Green Pass, noi ci aspettavamo ben altra risposta da questa città, speriamo nel prossimo weekend”. Venerdì chiuderà l’hub vaccinale nella Stazione Marittima.

Enrico, agente di commercio di 60 anni, mostra le tre dita: indicano la terza dose di vaccino anti-Covid che gli è stata appena somministrata nella spalla sinistra. Il 60enne è uno dei pochi ad essersi presentato nei centri vaccinali di Napoli, lui ha scelto quello della Mostra d’Oltremare, dove da ieri chi è in condizioni di fragilità e rientra nei parametri stabiliti dalla circolare del ministero della Salute del 14 settembre può avere la terza inoculazione.

Condividi su:

7 thoughts on “Napoli, partenza flop per la terza dose: si presentano solo in 36

    1. @Galileo —-> Il solo modo è quello che ha portato al successo Walt Disney: un mouse.

      Siamo sulla buona strada, dato che da parecchio tempo siamo in “trincea” a picchiettare sulle nostre tastiere.

      1. @Anonimo. Vedi di non sparare palle! La gente si sta rivoltando in tutto il mondo A MILIONI contro le dittature sanitarie, anche se i TG di regime e la censura TV si guardano bene dal mostrarlo. Ma basta andare su uno dei tanti siti, oltre questo, da RadioSavana a Live World, ma anche su YouTube, per vedere le folle enormi nelle manifestazioni in piazza, dalla Francia alla Slovenia, dall’Italia (manifestazioni in 120 città) all’Australia, al Canada, allo stesso Israele. Poi, quando inizieranno gli scioperi veri, con i camionisti che bloccheranno l’arrivo delle merci, vedrete che Draghi e Speranza, e tutti i politici corrotti, inizieranno a fare retromarcia. Hanno fatto cadere Ceausescu, figuriamoci il bancario ricattatore.

      2. @Albert 2021 NON CONCORDO… e lo sai perché?

        Perché serve muoversi secondo la legge: non credere che i MILITARI e i MAGISTRATI stiano dormendo, cercano solo i giusti appigli, sono dalla nostra parte, FIDATI. Anche loro hanno mogli, figli e anche loro (se hanno fatto la “punturina”) hanno il dente avvelenato.

  1. Solo in 36? E adesso che farà De Luca? Andrà lui in migliaia di case napoletane con il lanciafiamme a convincerli a vaccinarsi? Dopo Pulcinella, Totò, Troisi, Lello Arena, ecc., abbiamo un nuovo comico della migliore tradizione napoletana: lo sceriffo Clint De Luca, il governatore dalla pistola (e dalla caxxata) facile!

Rispondi a galileo Annulla risposta

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.