Napoli, Nancy deceduta all’improvviso per un malore fatale: aveva soltanto 18 anni

Condividi su:

NAPOLI – La comunità di Saviano piange la scomparsa di Nancy Strocchia, morta improvvisamente a soli 18 anni, probabilmente a causa di un malore. Un’altra giovane vita spezzata troppo presto proprio come quella di Emilio, deceduto soltanto pochi giorni prima.

È ancora scossa la comunità di Saviano, cittadina dell’area del Nolano, nella provincia di Napoli, per la prematura scomparsa di Nancy Strocchia, morta a soli 18 anni probabilmente a causa di un malore improvviso. A dare la notizia alla cittadinanza dell’improvvisa e prematura scomparsa della studentessa 18enne è stato il sindaco di Saviano, Vincenzo Simonelli, che su Facebook ha scritto: “Mi unisco all’immenso dolore che ha colpito le famiglie Strocchia e Ambrosino per la perdita della giovane Nancy. Non esistono parole per descrivere un destino così tragico”. Lo ha scritto la Voce di Napoli.

Condividi su:

5 thoughts on “Napoli, Nancy deceduta all’improvviso per un malore fatale: aveva soltanto 18 anni

  1. Top ICU Doctor Suspended After Suing Hospital for Banning Life-Saving COVID Treatments

    In an exclusive interview with The Defender, Dr. Paul Marik said patients are dying “unnecessarily and unlawfully” because the hospital where he is director of the ICU prioritizes expensive drugs like Remdesivir while banning more effective and less costly treatments.

    https://childrenshealthdefense.org/defender/paul-marik-lawsuit-hospital-remdesivir-ban-life-saving-drugs/?utm_source=salsa&eType=EmailBlastContent&eId=b2e8747f-cbbc-42db-922f-1b6f7c9d1765

    1. T R A D U Z I O N E

      “II Direttore della Terapia Intensiva è stato sospeso (per due settimane) per aver citato in giudizio l’ospedale, dato che vieta i trattamenti salvavita per il COVID.”

      “In un’intervista esclusiva con The Defender, il dottor Paul Marik ha affermato che i pazienti muoiono “inutilmente e illegalmente” perché l’ospedale della cui ICU (Intensive Care Unit) è direttore dà la priorità a farmaci costosi come il Remdesivir mentre vieta trattamenti più efficaci e meno costosi.”

    2. “In an interview with The Defender, Marik said the hospital is prohibiting the use of a COVID protocol called “Math +.” The protocol includes treating COVID patients with many drugs approved by the U.S. Food and Drug Administration (FDA) which has determined the drugs are safe and effective.”

      “Instead, according to the lawsuit, Sentara recommends doctors use “toxic drugs” like Remdesivir — an expensive medication associated with severe side effects — because the hospital receives a bonus each time doctors prescribe it.”

      https://childrenshealthdefense.org/defender/paul-marik-lawsuit-hospital-remdesivir-ban-life-saving-drugs/?utm_source=salsa&eType=EmailBlastContent&eId=b2e8747f-cbbc-42db-922f-1b6f7c9d1765

      1. T R A D U Z I O N E

        “In un’intervista con The Defender, Marik ha affermato che l’ospedale vieta l’uso di un protocollo COVID chiamato “Math +”. Il protocollo include il trattamento dei pazienti COVID con molti farmaci approvati dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti che ha determinato che i farmaci sono sicuri ed efficaci”.

        “Invece, secondo la causa, Sentara (l’Ospedale) raccomanda ai medici di usare “farmaci tossici” come il Remdesivir – un farmaco costoso associato a gravi effetti collaterali – perché l’ospedale riceve un bonus ogni volta che i medici lo prescrivono”.

Rispondi a Anonimo Annulla risposta

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.