Muore in vacanza a 29 anni per emorragia cerebrale: addio a Vincenzo Bruni

Condividi su:

PARMA — Una tragedia infinita per una morte inaspettata che ha bussato alla porta di un ragazzo d’oro, portandoselo via prematuramente, a 29 anni. Vincenzo Bruni, vibonese trapiantato in provincia di Parma, è morto mentre era in vacanza a causa di una devastante emorragia cerebrale. Una tragedia nella tragedia: Vincenzo lascia la moglie, Erica Orecchio, e due bambini: Gabriel (due anni) e Leonardo (di due mesi).

I funerali sono stati celebrati ieri in provincia di Parma, ma a breve verrà celebrata una messa in suo suffragio probabilmente a Sciconi, frazione di Briatico. Accanto alla salma mamma Antonella Ascoli, il padre Michele Bruni e la sorella Miriam Bruni. Questo il ricordo straziante della mamma: “Un legame straordinario che solo noi conosciamo e continuerà ad esistere oltre la vita terrena. La vita è stata ingiusta con te troppo presto ti ha strappato da noi. Nel mio dolore sono certa che anche se non ti vedremo più, amore di mamma, sentiremo sempre la tua presenza”. Gazzetta di Parma

Condividi su:

5 thoughts on “Muore in vacanza a 29 anni per emorragia cerebrale: addio a Vincenzo Bruni

  1. Poveri ragazzi.. si spezza il cuore a leggere tutti i giorni queste notizie. Gli assassini al governo non pagheranno mai abbastanza, questo è un massacro agli innocenti.

    1. Non è un massacro di innocenti.gl innocenti sono i bambini che vengono portati da madri a farsi il vaccino. Questi erano grandi e “vaccinati” come si suol dire…

    2. Spezza il cuore ma nessuno sta provvedendo a fare autopsie,neppure ai parenti interessa la verità e men che meno fare giustizia quindi non si sommeranno mai e poi mai ai gravi danni da vacchino,senza prova non vengono conteggiati.A me sembra che qui ne stiano muorendo parecchi e tutti allo stesso modo eppure neppure medici ed infermieri si fermano.Significa che l’orgoglio ha la meglio sull’ammettere che si è sbagliato e che se dovessimo essere coerenti con le punizioni inflitte ai medici che non hanno vacchinato,quelli che lo hanno datto dovrebbero essere tutti radiati dalla professione per sempre!

  2. No, questa roba succede perché la “scienza” ha preso totalmente il posto della spiritualità ovunque. Io non professo alcuna religione ma ho una spiritualità e una coscienza che mi portano da sempre a farmi delle domande sul mondo in cui vivo e a non affidarmi ciecamente a nessuno per partito preso, ragiono con la mia testa e mi informo prima di prendere qualunque decisione.
    Che questo non fosse un vero vaccino ma un’arma di estinzione noi “complottari” lo sapevamo già mesi prima che uscisse, ma noi siamo quelli matti e derisi e poi isolati…
    La massa vuole solo fare gregge, farsi dire come vivere e di cosa avere paura e si fida di un sistema criminale che stavolta ha deciso di fare fuori l’intera umanità con la scusa patetica di un’influenza che ha ammazzato lo 0 virgola nel mondo, i soliti vecchi e immunodepressi, ma guai a dirlo a questi zombi, la scienza è tutto e non sbaglia mai e amen. E questo nonostante migliaia di casi di malasanità ovunque. Ma per gli zombi è tutto solo un caso.
    Ottimo, adesso muoiano o si ammalino, non spreco un briciolo di empatia per umani di questo livello, mi spiace solo per i bambini che hanno genitori idioti e indegni.

Rispondi a Dafne Annulla risposta

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.