Mattarella: “Resistenza è opporsi all’invasione straniera”. Con lui sbarcati 700mila migranti in Italia

Condividi su:

25 aprile, Sergio Mattarella: “Resistenza è opporsi all’invasione straniera”. Con lui al Quirinale sono sbarcati 700mila clandestini. No comment. Nel corso del suo intervento, ha rivelato che nelle prime ore del 24 febbraio, data dell’inizio della cosiddetta invasione russa, ha pensato a Bella Ciao. Lo scrive TG Sky24.

“Come tutti, quel giorno, ho avvertito un pesante senso di allarme, di tristezza e di indignazione”, ha rammentato: “A questi sentimenti si è subito affiancato il pensiero agli ucraini svegliati dalle bombe. E, pensando a loro, mi sono venute in mente queste parole: ‘Questa mattina mi sono svegliato e ho trovato l’invasor’. Sappiamo tutti da dove sono tratte queste parole”. Il riferimento è naturalmente al canto associato idealmente al movimento partigiano.

Condividi su:

10 thoughts on “Mattarella: “Resistenza è opporsi all’invasione straniera”. Con lui sbarcati 700mila migranti in Italia

  1. VERGOGNA !!!!!!!!
    SEI UNA VERGOGNA !!!!!!!!
    TRADITORE ,VENDUTO E FASCISTA !!!!!!!
    OMMEMMERDA !!!!!!!!!!!

  2. Questi oggi festeggiano la LiberaZione e la ResistenZa sostenendo un governo – quello ucraino – di ultradestra, che abolisce tutti i partiti di opposizione, tiene in galera deputati di di opposizione e dissidenti, ammazza giornalisti e si serve di militari che si fregiano di simboli nazisti e ammirano di Bandera, Hitler e Mussolini. Il massimo del controsenso e dell’ipocrisia. Intanto, i veri partigiani che conducono da 8 anni la vera resistenza stanno nel Donbass.

  3. Progetto Dittatura: cambiare la Costituzione per poter rendere permanente lo «stato di emergenza» Maurizio Blondet 25 Aprile 2022 Hillary Clinton e Obama hanno chiesto alla UE di approvare SUBITO il Digital Services Act (DSA), che controlla e censura la rete. La UE nella notte obbedisce. Cosa sta per succedere? Qui Matteo D’Amico: Pare che alcuni deputati stiano proponendo una “Modifica all’articolo 78 della Costituzione e altre disposizioni in materia di dichiarazione e disciplina dello stato di emergenza nazionale”. La nostra Costituzione, non a caso, prevede lo stato d’emergenza nazionale esclusivamente in un contesto di deliberazione e successiva dichiarazione dello stato di guerra, cosa che evidentemente non piace ai governanti che intendono usare l’emergenza nazionale come piede di porco per scardinare i limiti. https://www.maurizioblondet.it/progetto-dittatura-cambiare-la-costituzione-per-poter-rendere-permanente-lo-stato-di-emergenza/

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.