Malore nel sonno, il notaio Antonio Fabi muore a 59 anni

Condividi su:

PERUGIA — Gualdo Tadino in lutto per la morte improvvisa, durante la notte, del dottor Antonio Fabi, stimato professionista operante in città, titolare di uno studio notarile. 59 anni, nativo di Spello, sposato a Gualdo Tadino con la signora Lucilla Lispi, padre di due figli, era particolarmente attivo nella comunità gualdese a cui aveva dedicato la sua attività filantropica, sia in ambito sportivo dove era sostenitore e promotore di manifestazioni ciclistiche insieme al Gruppo Avis, come anche culturale. Così Tgrmedia.

A lui si deve, infatti, l’istituzione del “premio corteo” che va ogni anno a premiare il miglior corteo dei Giochi de le Porte. Numerose già dalle prime ore le testimonianze di cordoglio e di affetto per la famiglia. 

Condividi su:

4 thoughts on “Malore nel sonno, il notaio Antonio Fabi muore a 59 anni

  1. Era certamente “vaccinato”, dato che era a contatto con il pubblico. E certamente esigeva la “vaccinazione” per i propri dipendenti, e chi frequentava lo studio. Come tanti notai che conosco, avvocati, commercialisti …

    Non ho parole per dire quanto mi dispiace che persone di così tanta cultura, che hanno passato ore sui libri di testo per passare esami (come anche quello per diventare notaio)… si dimostrino di essere degli sprovveduti.

    AMEN.

  2. Ieri ho incontrato una persona che non vedevo da tanto tempo, e mi ha subito detto: “CHE PERIODO, CI SONO SOLO BRUTTE NOTIZIE”.

    Ho risposto dicendo CHE:

    – siamo di fronte a un’arma biologica,
    – i brevetti americani lo dimostrano,
    – siamo stati INGANNATI.

    Mi ha guardato con una faccia. NON SI RENDONO CONTO, NON MI ASCOLTANO. —-> PEGGIO PER LORO.

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.