Malore improvviso, trovata morta sul divano di casa la dottoressa romana Daniela Accoroni

Condividi su:

ROMA — Un grave lutto ha colpito la Asl Roma 6: è infatti stata trovata senza vita nella sua abitazione la dottoressa Daniela Accoroni, 66 anni, trovata senza vita sul divano della sua casa. Daniela Accoroni era uno stimato medico molto conosciuto nei comuni di Nettuno e Anzio. Era attesa nella mattinata di lunedì 26 settembre 2022 al poliambulatorio Barberini di Nettuno per svolgere la sua solita seduta di ecografie, ma purtroppo non si è mai presentata.

La direzione sanitaria della struttura ha provato invano a contattarla e quindi ha immediatamente avvertito una persona di fiducia della dottoressa, che è corsa presso la sua casa, dove viveva da sola, e l’ha trovata priva di vita sul divano. Daniela Accoroni è stata stroncata da un improvviso malore. Chi la conosce la descrive come una brillante professionista, seria e competente, sempre gentile e disponibile. La sua rappresenta una grave perdita per il distretto sanitario Anzio/Nettuno e la Asl Roma 6. Lo ha riportato il sito https://it.notizie.yahoo.com.

Condividi su:

5 thoughts on “Malore improvviso, trovata morta sul divano di casa la dottoressa romana Daniela Accoroni

  1. PER NERO:
    POSSO DIRTI CHE SEI UN GRANDISSIMO CAFONE?
    UN DITTATORE MANCATO?
    LA PSICHIATRIA E’ ROBA DA HITLER
    SE TI DIAMO DEL TROLL
    DELL’INTRUSO ED DELL’INCOMPETENTE
    FORSE TROPPO GIOVANE PER COMPRENDERE
    DOPO CHE TI SEI PERMESSO DI OFFENDERE
    PESANTEMENTE
    NON TE LA PRENDI VERO?
    LA VERITA’ NON E’ NELLE TUE MANI
    APRI LA TUA MENTE
    SEI
    CATTIVO
    E RIDICOLO
    E’ A CAUSA DI OTTUSI COME TE
    CHE LA GENTE “HA TROPPI MALORI IMPROVVISI”
    RIVEDI LA TUA POSIZIONE DA DUCETTO
    CHE COMANDA
    O SI DEVE SCRIVERE E DIRE SOLO CIO’ CHE TI AGGRADA?
    GRANDISSIMO CAFONE
    E STICAXXI CHE SCRIVI QUI DA NON SO QUANTO

  2. Proprio l’altro giorno parlavo con un vecchio cardiologo in pensione di infarti e problemi vari…in generale, non parlando di vaccini. E mi ha detto che le probabilità che un infarto sia esteso e fatale sono intorno al 10%. Questa cosa mi ha dato da pensare. Insomma il 10% mi sembra una media bassa se comparata alla fatalità dei malori degli ultimi due anni. Sarebbe interessante poter avere accesso a statistiche attendibili, perché dell’Istat non mi fido molto.
    In Inghilterra avevano fatto uno studio comparato su statistiche attendibili ma non ho il link…se qualcuno ce l’ha..

    @Kl: ma pure qui? ti ho già risposto sotto l’altra notizia. Non è che dobbiamo portare la discussione sotto ogni notizia…Vabbé.

    1. si anche qui perchè ieri sera era tardi.
      TE LO RIDICO/RIFORMULO
      URLANDO
      NESSUNO HA LA VERITA’ IN MANO
      IN ‘INDIA, AD ESEMPIO, MOLTI CREDONO NEI RETTILIANI,
      TU SAI IL PERCHE’?
      L’IGNORANZA NON E’ AMMESSA
      LA TUA SPOCCHIA E’ DELETERIA
      SE TU, NON CREDI NEL MALE, QUINDI NON CREDI IN DIO
      COME TI PERMETTI DI GIUDICARE ED OFFENDERE IL CREDO ALTRUI?
      LE PERSONE TROPPO SICURE DELLE LORO PERSONALISSIME VERITA’
      SONO PERICOLOSE
      QUANDO SONO STATE APERTE LE “EXTRA DIMENSION”?
      E DOVE?
      LE TUE CERTEZZE TIENITELE PER TE
      E CERCA DI ARRICCHIRTI CON CIO’ CHE VEDI E LEGGI
      IN VECE DI ERIGERE INUTILISSIMI MURI
      DI SPOCCHIA E DI SACCENZA
      NESSUNO
      RIPETO NESSUNO
      HA IN MANO TUTTA LA VERITA’
      TANTO MENO TU
      PORTA RISPETTO
      INVECE DI ERIGERTI PIU’ IN ALTO DEGLI ALTRI
      TU SEI COME TUTTI NE PIU’ NE MENO
      ANZI
      PEGGIO VISTO CHE VUOI
      PERSEGUIRE NELLA TUA
      GRANDE OTTUSITA’
      INVECE DI ARRICCHIRTI
      CON
      IL RISPETTO PER IL PROSSIMO

  3. Se non erro questa lurida puttana ha deriso i novax in più di un’occasione, quindi direi che è un bene che questa merdaccia sia diventata concime per fiori. Se non è stata di alcuna utilità quando era in vita, che lo sia da morta

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.