Malore improvviso, morto un bambino di 15 mesi a Salerno

Condividi su:

SALERNO — Amerigo è morto a causa di un malore improvviso, aveva solo 15 mesi. Il comune di Albanella, in provincia di Salerno, ha voluto commemorare la sua morte proclamando il lutto cittadino. Distrutti i genitori del bimbo che hanno così sentito la vicinanza dei concittadini. SEGUE LA FONTE.

Qualche giorno fa la notizia della terribile scomparsa. I genitori hanno voluto ringraziare i concittadini in questo momento: “Siamo infinitamente riconoscenti a tutti coloro che non ci hanno lasciati soli, dagli amici ai conoscenti, ma anche alle amministrazioni comunali e a ogni singolo cittadino, che con piccoli gesti e parole hanno dimostrato il rispetto che ci contraddistingue come esseri civili. Il nostro piccolo ometto sarà sicuramente grato ad ognuno di voi per la vicinanza, vi ringraziamo anche da parte sua”.

Condividi su:

6 thoughts on “Malore improvviso, morto un bambino di 15 mesi a Salerno

  1. Poverino. Sarà a causa dei vaccini obbligatori per i bimbi? Oppure la madre si era fatta cacchinare e il cacchino è passato attraverso il latte materno… Nel primo caso colpa della Lorenzin dunque. Comunque, un tipo su Facebook parlando dei vaccini sperimentali covid-19 ha scritto che se nel lungo termine ai bambini dovessero venire leucemie, TUMORI, ecc, a nessuno importerebbe. Sarà vero? Potrebbero causare ciò i vaccini sperimentali covid-19? Io non sono una covidiota ma ho dei dubbi…

  2. Vi rendete conto delle boiate che scrivete? La morte sarebbe dovuta al vaccino? Sciacalli del cavolo, quando muore un bambino c’è solo da stare in silenzio.

    1. stella guerra Ma scicalli di che cosa covidiota che non sei altro???? ma lo sai quanti bimbi stanno morendo GRAZIE alle madri CRIMINALI che si sono fatte inoculare un farmaco SPERIMENTALE in gravidanza??? lo sai??? NOOOO E ALLORA TACI!!!!! E VERGOGNATI IDIOTA!

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.