Malore improvviso, 20enne muore durante una partita di calcetto

Condividi su:

CAGLIARI — Stava giocando una partita di calcetto insieme ai compagni, quando si è accasciato a terra colpito da malore improvviso. Il giovane di 20 anni si è accasciato davanti ai compagni di squadra al Sant’Elia a due passi dallo stadio dove gioca il Cagliari. Il giovane stava disputando una partitella tra amici e si è sentito male improvvisamente. Sul posto i sanitari del 118 ma non hanno potuto fare nulla per salvare la vita del ragazzo. Un’altra vita giovane spezzata improvvisamente. Casteddu Online

Condividi su:

2 thoughts on “Malore improvviso, 20enne muore durante una partita di calcetto

  1. Oh mio Dio, già ero triste così… Povero ragazzo, era giovanissimo. E sardo come me oltretutto… Ora a cosa daranno la colpa? Ah sì, diranno che i MALORI ci sono sempre stati. Oppure che sarà stata la pizza, o magari il caldo o ancora: era molto malato,vera anziano, ha sTaTo lo sport, ecc. Potrei capire se dicessero il fumo ma così proprio no… Dai, sono ridicoli… Poi parlano soltanto di questo ragazzino ma quanti altri staranno morendo nell’indifferenza generale? Guarda caso i malori improvvisi aumentano tra i giovani, anche negli altri paesi come ad esempio in Israele, paese altamente vaccinofilo. E questi sono tutti ragazzi sani e sportivi che si sono sottoposti a questi vaccini sperimentali ad alto rischio neurotossico per poter accedere ai locali, ristoranti, per poter fare sport, ecc. Forse chi dice che questi sierati moriranno anche tra mesi o anni avranno ragione? L’ho sempre detto: non ha senso che i giovani rischino… C’è qualcosa di marcio e malato in tutto ciò… C’è decisamente qualcosa che non va…
    Vorranno davvero farci fuori? Ma e che pro? Perché siamo troppi? Ma in Sardegna no. Si sta spopolando… A tutti i paesi sono diminuiti gli abitanti, compreso il mio. O MUOIONO o se ne vanno… Anche ieri c’era l’ambulanza che girava. Manco con il covid era così, era stato male soltanto un anziano malato (…) E i covidioti non mi vengano a dire che i giovani rischiavano anche con il covid-19 perché non è vero, in Sardegna nessun giovane è mai morto di covid-19 ma bensì di conseguenze date dai vaccini sperimentali covid-19 iniettati in vena. Che non me li paragonino ai veri medicinali, quelli sono sicuri ed efficaci, a meno che uno non ne abusi… Di covid sono morti soltanto alcuni anziani malati. E se sei forte, giovane SANO e non fumi né niente non rischi davvero nulla… Il tennista Nole è un esempio, in tutti i sensi… Eppure i covidioti su Facebook continuano a commentare infiltrandosi e lasciando commenti in questo gruppo: “nessuna correlazione”, scrivendo che i più intelligenti sono loro, ergo: coloro che si sono sottoposti alle ripetute iniezioni che potrebbero abbassare le difese immunitarie… Un ego ipertrofico e una saccenza a dir poco fastidiosa… Ho anche notato che insultano, deridono, ridicolizzano, ecc. Dei poveretti. Che pena che mi fanno. Che TRISTEZZA di esseri… Ieri notte sono uscita un attimo e stanno morendo anche persone di una certa età, guarda caso nella ASL del mio paese i più inoculati sono proprio gli anziani. Però un bollettino per i morti dovuti al cosiddetto ‘vaccino’ non si sognerebbero mai di darlo, eh. Omertosi fino alla fine… Paesi che non ritornano alla normalità dopo più di 2 anni. Covidioti che ancora dopo più di 2 anni hanno paura degli assembramenti, ecc, poi esco un po’ e non c’è nessuno. Tutti che se la spassano a Cagliari, al mare, ecc. Che altro dire… È un paese finito… Mi spiace dirlo ma è così…

  2. Dai che ne resteranno pochi… Mi fermo qui in quanto ogni famiglia avrà la sua croce, presto i tardi

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.