L’europarlamentare Donato lascia la Lega: “Qua comanda Giorgetti”

Condividi!

L’europarlamentare Francesca Donato lascia il Carroccio un minuto prima aver detto che la sua linea critica nei confronti dei provvedimenti del governo, “pur condivisa da larga parte della base è diventata minoritaria: prevale la posizione dei ministri, con Giorgetti, e dei governatori. Io non mi trovo più a mio agio e tolgo tutti dall’imbarazzo” dice in un’intervista a Repubblica. “Ho fatto una riflessione lunga e sofferta” spiega, “io credo nella libertà individuale e nel principio di autodeterminazione delle scelte sulla salute. Principi inderogabili che questo governo sta violando. Non posso più stare in un partito che sostiene l’esecutivo Draghi”.

Poi l’analisi sulla Lega di oggi. Matteo Salvini, dice Donato, “si trova in una posizione delicata. Rappresenta un partito con diverse anime, ma c’è una prevalenza della linea dei presidenti di Regione e dei ministri, capeggiati da Giorgetti, a favore delle scelte del Governo Draghi. Il segretario ha cercato di dare forza a quanti come me giudicano che le decisioni sul Green Pass siano sproporzionate e inadeguate”.

Salvini ha dovuto mediare, ma a un certo punto si è fermato, non giudico il suo lavoro”. In altre parole, ormai Salvini è in minoranza, “almeno all’interno della segreteria del partito pare che sia così”. Tuttavia “non pensate che le voci contrarie alla linea pro-governo, fra gli eletti, siano sono quelle di Borghi, Bagnai o Siri. C’è un forte dissenso interno che, laddove non sarà composto, non potrà che emergere: potrà verificarsi pure una scissione. Intanto arrivano le amministrative: se non andrà bene, per la Lega, nessuno potrà dire che il problema erano i no Vax. Anzi, i governatori del Nord dovrebbero fare una riflessione in quel caso”.

Condividi!

4 thoughts on “L’europarlamentare Donato lascia la Lega: “Qua comanda Giorgetti”

  1. La domanda è: a che serve una Lega ridotta così? Perchè i clandestini con la Lamorgese entrano come vogliono, quindi tutta la politica di Salvini del passato sui porti chiusi è stata azzerata. Ora non si oppone più nemmeno a Speranza e Draghi su green pass e vaccini, quindi anche lì zero. La risposta quindi è: una Lega ridotta così è da ROTTAMAZIONE, dal 30% dei tempi d’oro del 2018 tornerà al 4% max. di Bossi e Maroni. Contenti loro…Sono diventati come Berlusconi e FI, che ormai è solo la stampella del pd.

    1. Concordo, analisi lucida, anche secondo me la lega appoggiando in tutto Draghi si è scavata la fossa. Ricordo bene (vista in tv preciso) una festa della lega nel 2016 o 2017 in cui era stato invitato Berlusca a parlare sul palco e aveva proposto un’alleanza di centro destra capeggiata da …DRAGHI! Il pubblico leghista lo aveva subissato di fischi e Silvio si era salvato con un “oppure no..”, ma questo è un segno evidente che Draghi sulla quella poltrona era già previsto da tempo. La cosa davvero incredibile è che nessuno faccia opposizione aperta a Draghi, nessuno lo attacchi direttamente, sembra quasi che abbiano paura.

  2. In realtà ormai Draghi si è rapidamente reso il politico più odiato dal dopoguerra tra gli italiani, questa delle vaccinazioni è stata la sua Caporetto. Non credo che tra quei politici ne abbiano “paura” , credo che si illudano che andare contro i “no-vax” paghi in termini di voti. E infatti circolano sondaggi farlocchi che darebbero la Lega in ripresa appoggiando green pass etc. Sono i soliti sondaggi di regime, ma Salvini ci è cascato come un pollo. In realtà sono politici stupidi – a parte Paragone/Italexit e pochi altri, la Cunial, etc – perché come hai detto anche tu, guardare ai sondaggi è una idiozia. E infatti Berlusconi ha ridotto FI a percentuali da prefisso telefonico perchè dopo i primi successi del 1994 e 2001, poi non ha più capito nulla dei problemi veri dell’Italia, e aveva trasformato FI in una accolita di parassiti, e la gente lo ha capito. Ma è solo questione di tempo: hanno buttato giù Ceausescu, figurati Draghi.

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: